Alimentazione con latte materno del tuo bambino prematuro. Biberon per prematuri

Per i bambini prematuri è particolarmente importante ricevere il latte materno, sebbene l'allattamento diretto al seno possa essere complesso. Leggi i consigli del nostro esperto per aiutarti a offrire al tuo bambino tutti i benefici del tuo latte

Feeding your premature baby breast milk
Medela expert Katsumi Mizuno
Professor Katsumi Mizuno, Department of Paediatrics, Showa University Koto Toyosu Hospital:
Uno dei migliori pediatri neonatali e consulente per l'allattamento certificato del Giappone, Katsumi è anche Professore di Pediatria presso la Showa University of Medicine. Le sue ricerche sono orientate soprattutto sulla suzione infantile, sul funzionamento delle banche del latte e l'uso del latte materno per aiutare i neonati prematuri nelle unità di terapia intensiva neonatale.

Se il bambino nasce prima della 37ª settimana di gravidanza viene classificato come prematuro.1 Non sempre sappiamo quali siano le cause del parto prematuro, ma alcuni fattori ne aumentano la probabilità. Tra essi si annoverano la gravidanza gemellare o multipla, alcune condizioni di salute che interessano la mamma o il feto oppure il fatto di aver avuto un bambino prematuro in precedenza.

Poiché i neonati prematuri hanno vissuto meno tempo nel grembo materno, devono finire il processo di crescita e possono essere più esposti a malattie e infezioni. Inoltre, potrebbero dover essere ricoverati in unità di terapia intensiva neonatale (UTIN).

Perché il latte materno è così importante per bambini prematuri?

Il latte materno è importante per la crescita e lo sviluppo ottimale dei neonati a termine ed è ancora più importante per i neonati prematuri.

Fattori importanti, come il DHA (un acido grasso vitale per il corretto sviluppo di cervello e occhi) e l'immunoglobulina G (un anticorpo), durante la gravidanza vengono trasportati dalla mamma al feto attraverso la placenta.2,3 Nascendo precocemente, i bambini prematuri non ricevono tutti questi importanti fattori nel grembo materno; tuttavia, il latte delle mamme dei neonati prematuri contiene più grassi e immunoglobulina secretoria rispetto al latte delle mamme dei bambini nati a termine.4

I neonati prematuri presentano anche tratti gastrointestinali immaturi, che possono causare problemi di digestione e assorbimento delle sostanze nutritive; pertanto, questi neonati hanno bisogno di un alimento facilmente gestibile dai loro delicati intestini. Il tuo latte materno contiene enzimi che aiutano il tuo bambino nella digestione, nonché il fattore di crescita epidermico che a propria volta favorisce la maturazione del suo intestino.5,6 I neonati prematuri alimentati principalmente con latte materno presentano una permeabilità intestinale significativamente ridotta rispetto a quelli alimentati prevalentemente con latte artificiale, il che significa che il numero di particelle (potenzialmente patogene) che riesce a passare attraverso il rivestimento del loro intestino nel flusso sanguigno è ridotto.7

Il latte materno è così importante per i bambini prematuri che, se per qualsiasi motivo le loro mamme inizialmente non riescono a fornire loro abbastanza latte, per ovviare possono essere alimentati con latte donato da altre mamme che allattano anziché ricorrere al latte artificiale. 

Il latte materno permette ai bambini prematuri esiti migliori?

Il latte materno contiene agenti protettivi che possono aiutare a prevenire situazioni complesse a cui il tuo bambino è incline, come infezioni gravi, retinopatia del prematuro (che può causare la perdita della vista) e displasia broncopolmonare (una malattia polmonare cronica).8,9,10,11

Più latte materno riceve il bambino, più basso è il suo rischio di contrarre malattie.12 Ogni 10 ml di latte in più al giorno per kg del suo peso riduce il rischio di sepsi del 19%.9 Inoltre, il rischio di enterocolite necrotizzante (NEC), un patologia intestinale potenzialmente fatale, è fino a dieci volte più basso nei bambini prematuri che ricevono latte materno rispetto a quelli che vengono alimentati con latte artificiale. Pertanto ogni goccia è preziosa!13

Ma, aspetto ancora più importante, i neonati prematuri alimentati con il latte della loro mamma tendono a essere dimessi in media due settimane prima rispetto a quelli alimentati con latte artificiale.14 Inoltre, nel primo anno di vita, hanno quasi il 6% di probabilità in meno di essere ricoverati in ospedale.15

Infine, un vantaggio a lungo termine è che il latte materno migliora lo sviluppo mentale e fisico (le ricerche mostrano che i neonati sottopeso alla nascita che hanno ricevuto latte materno in terapia intensiva presentano un QI più alto di cinque punti rispetto a quelli che non lo hanno ricevuto), oltre ad avere una migliore funzionalità cardiaca in età avanzata.15,17

Riuscirò a produrre latte se il mio bambino nasce prematuro?

Sì, le mamme sono pronte a produrre il latte a metà della gravidanza. Quando la placenta viene espulsa dopo il parto i livelli di progesterone (ormone della gravidanza) diminuiscono, permettendo al seno di iniziare a produrre il colostro, il tuo primo latte. Di solito la produzione di latte materno si innesca quando il neonato si attacca al seno e succhia ritmicamente; tuttavia, se il tuo bambino nasce prematuramente, in un primo momento potrebbe non essere in grado di alimentarsi al seno.

Puoi riprodurre le sensazioni che innescano la produzione di latte stimolando il seno e i capezzoli con le mani o utilizzando un tiralatte che può aiutarti a raccogliere il colostro ricco di sostanze nutritive da somministrare al tuo bambino (per saperne di più su cosa fare se il tuo bambino prematuro non è ancora in grado di alimentarsi al seno vedi sotto).18

Solitamente, il latte materno "arriva" due o quattro giorni dopo il parto, ma se il parto avviene prematuramente a volte il latte compare in ritardo. Tuttavia, un recente studio ha mostrato che nelle madri che estraevano il latte entro un'ora dal parto il latte si presentava nel momento previsto.19 Anche per questo motivo è importante iniziare a estrarre il latte materno il più presto possibile.

Come posso prepararmi se so che il mio bambino sarà prematuro?

Visita l'unità di terapia intensiva neonatale (UTIN) per vedere come si presenta e come il personale si prende cura dei neonati prematuri. Inoltre, è una buona idea per scoprire come il latte materno viene prodotto ed estratto, nonché per capire la sua importanza non soltanto come nutrimento ma anche quale medicina per questi bambini;per saperne di più leggi l'ebook gratuito di Medela "La straordinaria scienza del latte materno" .

Cosa succede se il neonato prematuro non può alimentarsi al seno?

Molti bambini nati prima della 34ª settimana hanno difficoltà a coordinare la suzione, l'ingestione e la respirazione. Fino a quando il tuo neonato non sarà pronto, gli infermieri lo alimenteranno inserendo delicatamente un sondino nel suo stomaco attraverso il naso o la bocca. Il tuo bambino può essere alimentato in questo modo fino a quando non è pronto per alimentarsi dal tuo seno.

Se il tuo neonato è troppo debole per rimanere attaccato al seno e alimentarsi, puoi usare un tiralatte fornito dall'ospedale o dalla clinica in modo che "faccia le veci del bambino". Stimolare il seno nelle prime ore mediante una tecnologia di iniziazione basata sulla ricerca (che imita gli schemi di suzione dei neonati) è importante per aiutare ad avviare e mantenere la tua produzione di latte.20,21

Avrai bisogno di estrarre il latte con la stessa frequenza con cui un neonato sano si nutre normalmente. Ciò significa che dovrai estrarre ogni due o tre ore , ossia da otto a dodici volte nell'arco delle 24 ore.

Alcune mamme possono somministrare piccole quantità di latte materno estratto direttamente nella bocca del bambino con una siringa. In alternativa, puoi inserire nella bocca del tuo bambino dei bastoncini di cotone imbevuti di latte. Ciò consente al tuo bambino di assaggiare il tuo latte (facilitando il passaggio all'allattamento esclusivo al seno) e di coprire la sua bocca con i componenti immunostimolanti e protettivi del tuo latte.22 Esistono molti modi per alimentarlo; pertanto, rivolgiti ai tuoi consulenti sanitari per sapere cosa puoi fare per il tuo bambino. 

I bambini con un peso alla nascita molto ridotto, inferiore a circa 1,5 kg, spesso hanno bisogno di un maggior apporto di proteine, calcio e fosforo; di conseguenza, insieme al latte della madre viene somministrato loro un fortificante. In alcuni paesi sono disponibili fortificanti del latte umano, ma in Giappone sono derivati dal latte di mucca.

Hai qualche suggerimento per l'estrazione del latte?

Se prevedi che il tuo bambino debba rimanere nell'UTIN per un periodo prolungato, i neonatologi raccomandano di usare un tiralatte doppio per estrarre il latte (io consiglio sempre Medela Symphony). L'estrazione doppia consente di estrarre più rapidamente e in media fornisce anche il 18% di latte in più rispetto all'estrazione singola.23

Incoraggio inoltre le mamme a trovare la situazione più confortevole per estrarre. È riconosciuto dai più che il momento migliore per estrarre il latte è subito dopo o durante il contatto pelle a pelle prolungato con il proprio bambino (per ulteriori informazioni sul "metodo madre canguro" vedi sotto) o mentre ci si trova vicino alla sua culla e lo si guarda mentre si estrae. L'ossitocina, l'ormone che induce il riflesso di erogazione, viene rilasciata guardando, toccando, annusando e pensando al proprio bambino; pertanto, il personale della UTIN dovrebbe mettere a disposizione delle mamme un luogo confortevole in un ambiente rilassante in cui estrarre.24

Cos'è il metodo madre canguro per i neonati prematuri?

Il metodo madre canguro si ha quando i genitori tengono il loro neonato sul petto nudo per lunghi periodi; questa soluzione può offrire numerosi incredibili benefici a te, al tuo bambino e alla tua produzione di latte. Il contatto pelle a pelle aiuta a calmare e regolare la respirazione e il battito cardiaco del tuo bambino, oltre a riscaldarlo e a lasciarlo riposare vicino a te o al tuo partner. Il metodo madre canguro è inoltre associato a una migliore salute nei neonati prematuri.25 Nelle mamme si accompagna invece a maggiori volumi di latte estratto e a una maggiore durata dell'allattamento al seno.26,27 Concedersi un po' di tempo per il contatto pelle a pelle (almeno 30-60 minuti) prima di una poppata offre al bambino il tempo di svegliarsi e sentire la fame, invece di mettergli fretta.

Cosa succede se il personale della UTIN offre al bambino latte in polvere?

Non esitare a informare il personale che preferisci alimentare il tuo bambino con latte materno, e non con latte in polvere. Se il tuo latte non è sufficiente per il tuo bambino, chiedi al personale della UTIN un maggiore supporto per aumentare la tua produzione di latte.

È normale che tutte le mamme con bambini ricoverati nella UTIN si sentano preoccupate o stressate. Queste sensazioni a volte possono influenzare la produzione di latte; pertanto, è importante chiedere tutto l'aiuto di cui hai bisogno. Ricordati, è un tuo diritto chiedere supporto. I professionisti sanitari possono presentarti la persona giusta in grado di fornirti l'aiuto di cui hai bisogno, come un consulente per l'allattamento.

E per quanto riguarda le banche del latte donato?

L'American Academy of Pediatrics ha dichiarato che, nonostante un significativo supporto all'allattamento al seno, se il latte materno non è disponibile dovrebbe essere usato latte donato pastorizzato.28 Le banche del latte certificate vantano standard elevati nello screening e nell'analisi delle potenziali donatrici, nella pastorizzazione e nell'analisi del latte prima del suo utilizzo negli ospedali al fine di ridurre al minimo il rischio di trasmissione delle infezioni.

Come posso passare dall'estrazione all'allattamento diretto al seno?

Qualunque sia l'età gestazionale del tuo bambino, se è abbastanza stabile per il contatto pelle a pelle potresti scoprire che cerca il seno per fare una poppata di "allenamento" (non nutritiva). Questo è il modo perfetto affinché il neonato impari ad alimentarsi al seno prima di essere pronto a coordinare perfettamente suzione, ingestione e respirazione.

I bambini amano l'odore del latte materno, pertanto estrarne un po' sul capezzolo prima di posizionare il bambino sul seno può aiutarlo a trovare il capezzolo e invogliarlo a succhiare. Durante l'attaccamento può anche riuscire ad assumere un po' di latte. Non preoccuparti se sembra fare ben poco; ogni volta impara qualcosa. Alla fine, può passare da una o due poppate a un allattamento completo. Fino ad allora, può essere alimentato con un sondino mentre lo tieni vicino al tuo seno, poiché tale vicinanza può aiutarlo ad associare la pancia piena con il tuo seno e il latte.

L'allattamento non nutritivo può essere avviato non appena ti senti a tuo agio con il metodo madre canguro, purché il tuo bambino non soffra di bradicardia (battito cardiaco lento) o di desaturazione (bassa concentrazione di ossigeno nel sangue). Il tuo bambino può passare all'allattamento al seno quando ne è in grado. A poco a poco avrà la forza di sostenere un attaccamento più lungo e, nel tempo, di assumere più latte.

Bibliografia

1 World Health Organization. Geneva, Switzerland; 2018. Media Centre: Preterm birth fact sheet; November 2017 [26.03.2018]. Available from: http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs363/en/

2 Duttaroy AK. Transport of fatty acids across the human placenta: a review. Prog Lipid Res. 2009;48(1):52-61.

3 Palmeira P et al. IgG placental transfer in healthy and pathological pregnancies. Clin Dev Immunol. 2012;2012: 985646.

4 Underwood MA. Human milk for the premature infant. Pediatr Clin North Am. 2013;60(1):189-207.

5 Pamblanco M et al. Bile salt‐stimulated lipase activity in human colostrum from mothers of infants of different gestational age and birthweight. Acta Paediatr. 1987;76(2):328-331.

6 Dvorak B. Milk epidermal growth factor and gut protection. J Pediatr. 2010;156(2):S31-35.

7 Taylor SN et al. Intestinal permeability in preterm infants by feeding type: mother's milk versus formula. Breastfeed Med. 2009;4(1):11-15.

8 Newburg DS. Innate immunity and human milk. J Nutr. 2005;135(5):1308-1312.

9 Patel AL et al. Impact of early human milk on sepsis and health-care costs in very low birth weight infants. J Perinatol. 2013;33(7):514-519.

10 Zhou J et al. Human milk feeding as a protective factor for retinopathy of prematurity: a meta-analysis. Pediatrics. 2015;136(6):e1576-1586.

11 Patel AL et al. Influence of own mother's milk on bronchopulmonary dysplasia and costs. Arch Dis Child Fetal Neonat Ed. 2017;102(3):F256-F261.

12 Meier PP et al. Improving the use of human milk during and after the NICU stay. Clin Perinatol. 2010;37(1):217-245.

13 Lucas A, Cole TJ. Breast milk and neonatal necrotising enterocolitis. Lancet. 1990;336(8730-8731):1519-1523.

14 Schanler RJ et al. Randomized trial of donor human milk versus preterm formula as substitutes for mothers' own milk in the feeding of extremely premature infants. Pediatrics. 2005;116(2):400-406.

15 Vohr BR et al. Beneficial effects of breast milk in the neonatal intensive care unit on the developmental outcome of extremely low birth weight infants at 18 months of age. Pediatrics. 2006;118(1):e115-123.

16 Victora CG et al. Breastfeeding in the 21st century: epidemiology, mechanisms, and lifelong effect. Lancet. 2016;387(10017):475-490.

17 Lewandowski AJ et al. Breast milk consumption in preterm neonates and cardiac shape in adulthood. Pediatrics. 2016;138(1):pii:e20160050.

18 Meier PP et al. Which breast pump for which mother: an evidence-based approach to individualizing breast pump technology. J Perinatol. 2016;36(7):493-499.

19 Parker LA et al. Effect of early breast milk expression on milk volume and timing of lactogenesis stage II among mothers of very low birth weight infants: a pilot study. J Perinatol. 2012;32(3):205-209.

20 Meier PP et al. Breast pump suction patterns that mimic the human infant during breastfeeding: greater milk output in less time spent pumping for breast pump-dependent mothers with premature infants. J Perinatol. 2012;32(2):103-110.

21 Parker LA et al. Association of timing of initiation of breastmilk expression on milk volume and timing of lactogenesis stage II among mothers of very low-birth-weight infants. Breastfeed Med. 2015;10(2):84-91.

22 Lee J et al. Oropharyngeal colostrum administration in extremely premature infants: an RCT. Pediatrics. 2015;135(2):e357-366.

23 Prime PK et al. Simultaneous breast expression in breastfeeding women is more efficacious than sequential breast expression. Breastfeed Med 2012; 7(6):442–447.

24 Uvnäs Moberg K, Prime DK. Oxytocin effects in mothers and infants during breastfeeding. Infant 2013; 9(6):201–206.

25 Boundy EO et al. Kangaroo mother care and neonatal outcomes: a meta-analysis. Pediatrics. 2015;137(1): e20152238.

26 Acuña-Muga J et al. Volume of milk obtained in relation to location and circumstances of expression in mothers of very low birth weight infants. J Hum Lact. 2014;30(1):41-46

27 Nyqvist KH et al. Towards universal kangaroo mother care: recommendations and report from the first European conference and seventh international workshop on kangaroo mother care. Acta Paediatr. 2010;99(6):820-826.

28 American Academy of Pediatrics - Section on Breastfeeding. Breastfeeding and the use of human milk. Pediatrics. 2012;129(3):e827-841.