Allattamento al seno se tu o il tuo bambino siete malati

Quando tu o il tuo bambino non state bene, potresti chiederti se è sicuro allattarlo al seno. La buona notizia è che, in caso di malattia, l'allattamento al seno può avere molti benefici per entrambi (continua a leggere per saperne di più). Febbre allattamento.

Breastfeeding while you or your baby are sick

Sapevi che allattando al seno il tuo bambino è meno soggetto ad ammalarsi? Sebbene non lo tengano completamente indenne da malattie, le proprietà protettive del latte materno fanno sì che i bambini allattati al seno si ammalino con minor frequenza e si riprendano più velocemente rispetto ai bambini alimentati con latte in polvere.1

Il latte materno contiene elementi antibatterici e antivirali.2 A seconda di quanto protrai il periodo dell'allattamento, riduci il rischio del tuo bambino di contrarre raffreddori e influenza, infezioni delle vie respiratorie e dell'orecchio, nausea e diarrea.1 Inoltre, gli scienziati stanno studiando il potenziale del latte materno quale trattamento per patologie che vanno dalla congiuntivite al cancro.3,4

Posso allattare al seno il mio neonato malato?

Sì. L'allattamento al seno offre ai bambini malati la possibilità di guarire rapidamente, oltre a confortarli. Il tuo latte materno contiene anticorpi, globuli bianchi, cellule staminali ed enzimi protettivi che combattono le infezioni favorendo il processo di guarigione.1,5,6 Inoltre, possiede un equilibrio di vitamine e sostanze nutritive che si adatta costantemente, aiutando il tuo bambino a stare meglio il più rapidamente possibile. Questo si traduce in meno giorni di malattia e visite mediche per entrambi.7

"L'allattamento al seno fornisce al tuo bambino tutto ciò di cui ha bisogno quando è malato; è la sua medicina, il suo alimento, la sua bevanda, nonché il suo conforto. È la cosa migliore al mondo per il tuo neonato", afferma Sarah Beeson, assistente sanitario e infermiera dal Regno Unito.

Sorprendentemente, la composizione del tuo latte materno cambia quando il tuo bambino si ammala. Quando sei esposta a un'infezione batterica o virale, il tuo corpo produce anticorpi per combatterla; questi anticorpi vengono poi trasferiti al tuo bambino attraverso il tuo latte.8 Anche i livelli di cellule immunitarie, chiamate leucociti, presenti nel latte aumentano rapidamente quando il tuo bambino non sta bene.5

Inoltre, poiché il latte materno è facilmente digeribile, rappresenta anche l'alimento ideale per i bambini con problemi al pancino.

"Mia figlia ha contratto il norovirus quando aveva 12 mesi e il latte materno era l'unica cosa che riusciva a digerire", ricorda Maya, due figli, dalla Spagna. Avevo svezzato mia figlia naturalmente passando a una poppata al giorno prima di andare a dormire, ma l'effetto "domanda e offerta" che ha generato allattarla più spesso è stato sorprendente. Nel giro di 48 ore la mia produzione era ai livelli di quella lattiero-casearia! Il latte materno ha salvato la mia bambina dalla flebo".

Considera che potresti dover modificare il modo in cui allatti il tuo bambino mentre è malato. Ad esempio, un bambino che ha il raffreddore potrebbe voler alimentarsi più spesso, ma per periodi più brevi, sia per conforto sia perché il naso bloccato può rendere più difficile rimanere attaccato a lungo al seno. Se il tuo bambino ha il naso chiuso potrebbe preferire essere allattato in posizione eretta; pertanto potresti sperimentare posizioni di allattamento diverse. 

Cosa succede se il mio bambino sta troppo male per essere allattato al seno?

A volte, quando un bambino sta molto male potrebbe non avere l'appetito o l'energia necessari per nutrirsi. Se hai difficoltà ad allattarlo, contatta un professionista sanitario, un consulente o uno specialista dell'allattamento al seno per evitare che si disidrati.

Potrebbero consigliarti di estrarre un po' di latte per alimentarlo da una siringa, una tazza oppure suggerirti un altro metodo che richiede il minimo sforzo da parte sua. Inoltre, estrarre nei momenti in cui normalmente allatteresti al seno manterrà stabile la tua produzione di latte.

Se sei preoccupata per la salute del tuo bambino o hai dubbi sulla sua assunzione di latte consulta rapidamente un medico.

Posso allattare al seno anche quando sono malata?

Sebbene potrebbe essere l'ultima cosa che ti andrebbe di fare, è consigliabile continuare ad allattare quando sei affetta dalle malattie più comuni. Se hai il raffreddore o l'influenza, la febbre, la diarrea e il vomito o la mastite, continua ad allattare normalmente. Non contagerai il tuo bambino attraverso il latte materno; infatti, contiene anticorpi che riducono il rischio che contragga lo stesso virus.

"Allattare al seno in caso di malattia non soltanto è sicuro, ma è anche una buona idea. In realtà, il tuo bambino è la persona che ha meno probabilità di contrarre i tuoi problemi di pancia o il raffreddore, essendo già a stretto contatto con te e ricevendo una dose giornaliera degli anticorpi protettivi dal tuo latte," afferma Sarah Beeson.

Tuttavia, essere malate e continuare ad allattare può essere estremamente faticoso. Dovrai prenderti cura di te per riuscire ad accudire il tuo bambino. Mantieniti idratata, mangia quando puoi e ricorda che il tuo corpo ha bisogno di maggior riposo. Rilassati sul divano e stringiti al tuo bambino per qualche giorno, chiedendo ai familiari o agli amici di aiutarti ad accudirlo, quando possibile, in modo da concentrarti sulla tua guarigione.

"Non preoccuparti per la tua produzione di latte: non si ferma. L'importante è che tu non interrompa bruscamente l'allattamento, perché correresti il rischio di contrarre la mastite", aggiunge Sarah.

Una buona igiene è importante per ridurre al minimo il rischio di diffusione della malattia. Lava le mani con il sapone prima e dopo aver alimentato il tuo bambino, aver preparato o consumato il cibo, essere andata in bagno o aver cambiato i pannolini. Tossisci e starnutisci in un fazzoletto, o nella parte interna del gomito (non nelle mani) se non ne hai uno a portata di mano, e lavati o sanifica sempre le mani dopo aver tossito, starnutito o esserti soffiata il naso.

È possibile assumere farmaci durante l'allattamento al seno?

Durante l'allattamento al seno è possibile assumere paracetamolo, ibuprofene e alcuni antibiotici, purché ti rivolga a un professionista sanitario e segua le istruzioni di dosaggio.9,10 Ricorda che l'ibuprofene ha controindicazioni per le mamme che soffrono di asma.

In precedenza era stato consigliato alle mamme di evitare l'aspirina, ma un recente studio ha indicato che assumere l'aspirina a basse dosi può essere sicuro durante l'allattamento al seno.11 Tuttavia, dosi elevate sono state associate a una condizione rara ma grave nei neonati chiamata sindrome di Reye; pertanto, è consigliabile discuterne l'uso con il tuo consulente sanitario.12

È invece sconsigliabile l'uso di antidolorifici più forti con prescrizione medica, come la codeina e il tramadolo.10 Considerando il costante aggiornamento di linee guida e raccomandazioni, in caso di dubbi il tuo consulente sanitario o farmacista potranno fornirti maggiori informazioni su farmaci specifici.

Alcuni rimedi per il raffreddore, l'influenza e la tosse contengono decongestionanti o espettoranti che potrebbero ridurre la tua produzione di latte. Non assumere farmaci che contengono fenilefrina, fenilpropanolamina o guaifenesina presenti nell'elenco degli ingredienti.9 Inoltre, evita l'assunzione di farmaci che causano sonnolenza durante l'allattamento al seno.

"Controlla la confezione e se sei ancora incerta, rivolgiti a un professionista sanitario", consiglia Sarah. "Inoltre, se il tuo bambino è nato prematuro, con basso peso alla nascita, o presenta una patologia, verifica prima di assumere qualsiasi farmaco (anche il paracetamolo).

"Ogni volta che ti rechi dal medico o dal farmacista, per qualsiasi motivo, riferisci sempre che stai allattando e chiedi l'opzione migliore", aggiunge.

E per quanto riguarda l'assunzione di farmaci a lungo termine?

Se si assumono farmaci a lungo termine per il diabete, l'asma, la depressione o qualsiasi altra condizione cronica, i benefici dell'allattamento al seno possono essere superiori ai rischi. "È possibile allattare al seno con quasi tutte le malattie, ad eccezione di alcune malattie rare", afferma Sarah. "Conoscendo i tuoi farmaci abituali, è opportuno discuterne con il tuo medico o specialista durante la gravidanza. Tutti i professionisti sanitari hanno a disposizione una guida sulla sicurezza dei vari farmaci". In ogni caso, parla di questo problema con il tuo medico o con un professionista sanitario.

Assumevo un'alta dose di farmaci per l'epilessia, ma mi è stato possibile allattare al seno", racconta Nicola, un figlio, dal Regno Unito. "Il mio neurologo mi ha aiutata a trovare un equilibrio tra la sicurezza di mio figlio e un rischio di crisi epilettiche ridotto per me. Le crisi possono essere scatenate dalla mancanza di sonno; alimentavo il mio bambino giorno e notte, ma mi sono presa cura di me, anche con l'aiuto di mio marito. È stata un'esperienza positiva".

E se dovessi andare in ospedale?

Sia che tu abbia bisogno di un trattamento programmato o di emergenza, esistono vari modi per garantire che il tuo bambino continui a ricevere i benefici del latte materno e che tu possa continuare ad allattarlo una volta dimessa.

"Estrai e congela il latte materno, in modo che chi si prende cura di lui possa somministrarglielo. Fai pratica in anticipo e assicurati di informare i professionisti sanitari che sei una mamma che allatta durante la visita e di nuovo quando sei ricoverata", suggerisce Sarah.

"Se il tuo bambino è piccolo, potrebbero permettergli di stare con te. Chiedi se è presente un consulente per l'allattamento o uno specialista dell'allattamento in ospedale a cui rivolgerti; ti sarà di grande supporto, soprattutto se sei in un reparto generale. Se si tratta di un'emergenza, assicurati che i professionisti sanitari sappiano che hai un bambino; altrimenti, non possono avere modo di saperlo".

Il fatto che tu debba sottoporti a un intervento chirurgico sotto anestesia locale o generale non significa che tu debba interrompere l'allattamento o "estrarre e gettare" il tuo latte materno. Quando ti senti abbastanza bene per tenere in braccio il tuo bambino dopo un intervento, la quantità di anestetico presente nel tuo latte materno è minima e dovrebbe essere quasi sempre sicura per l'allattamento.10 Tuttavia, in ognuna di queste circostanze, chiedi consiglio a un professionista sanitario, a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento al seno.

Esistono casi in cui è opportuno interrompere l'allattamento?

Vi sono situazioni in cui è più sicuro interrompere temporaneamente l'allattamento al seno ed estrarre e gettare il latte per mantenere la produzione fino al termine del trattamento. Ad esempio in caso di trattamento con radioterapia o chemioterapia del cancro, nonché quando sei affetta da lesioni da herpes sul seno o da infezioni, come la tubercolosi, il morbillo o la setticemia, che potrebbero essere trasmesse attraverso il latte.13,14 Consulta un esperto sanitario per sapere se nella tua condizione è opportuno proseguire o interrompere l'allattamento.

Bibliografia

1 Victora CG et al. Breastfeeding in the 21st century: epidemiology, mechanisms, and lifelong effect. Lancet. 2016;387(10017):475-490.

2 Lönnerdal B. Bioactive proteins in breast milk. J Paediatr Child Health. 2013;49 Suppl 1:1-7.

3 Australian Breastfeeding Association [Internet]. Topical treatment with breastmilk: randomised trials. [cited 2018 Apr 4]. Available from https://www.breastfeeding.asn.au

4 Ho JCS et al. HAMLET–A protein-lipid complex with broad tumoricidal activity. Biochem Biophys Res Commun. 2017;482(3):454-458.

5 Hassiotou F et al. Maternal and infant infections stimulate a rapid leukocyte response in breastmilk. Clin Transl Immunology. 2013;2(4):e3.

6 Hassiotou F, Hartmann PE. At the dawn of a new discovery: the potential of breast milk stem cells. Adv Nutr. 2014;5(6):770-778.

7 Ladomenou F et al. Protective effect of exclusive breastfeeding against infections during infancy: a prospective study. Arch Dis Child. 2010;95(12):1004-1008.

8 Hanson LA. Breastfeeding provides passive and likely long-lasting active immunity. Ann Allergy Asthma Immunol. 1998;81(6):523-533.

9 Hale TW, Rowe HE. Medications and Mothers' Milk 2017. 17th ed. New York, USA: Springer Publishing Company; 2017. 1095 p.

10 Reece-Stremtan S et al. ABM Clinical Protocol# 15: Analgesia and anesthesia for the breastfeeding mother, Revised 2017. Breastfeed Med. 2017;12(9):500-506.

11 Datta P et al. Transfer of low dose aspirin into human milk. J Hum Lact. 2017;33(2):296-299.

12 Morello O. Safe in breastfeeding [Internet]. Italy: Orfeo Morello; 2016. Aspirin: Can I take aspirin while breastfeeding? [cited 2018 Apr 4]. Available from: https://www.safeinbreastfeeding.com/aspirin/

13 Lamounier JA et al. Recommendations for breastfeeding during maternal infections. J Pediatr (Rio J). 2004;80(5 Suppl):181-188.

14 Hema M et al., Management of newborn infant born to mother suffering from tuberculosis: Current recommendations & gaps in knowledge. Indian J Med Res. 2014;140(1):32-39.