Come usare il tiralatte: 12 consigli utili

Imparare a usare un tiralatte può richiedere tempo e pazienza, ma ne vale la pena. Leggi i consigli dei nostri esperti per avviare in modo efficace la tua esperienza di estrazione

How to use a breastpump - top tips
Medela expert Nania Schaerer-Hernandez
Dr Nania Schärer-Hernández, Director Global Education, Medela:
Madre di due figli, Nania è un'autorità di livello mondiale nel campo della composizione del latte materno e della lattazione. Il suo team presso Medela progetta materiali educativi basati sulle ricerche più recenti che spiegano in dettaglio le pratiche migliori per i consulenti sanitari e mostrano i vantaggi incredibili del latte materno alle mamme di tutto il mondo.

Come ogni abilità che valga la pena avere, anche imparare a usare un tiralatte potrebbe richiedere del tempo. Il segreto è la pazienza, anche se inizialmente non riuscirai a estrarre tutto il latte che vorresti. Dopotutto, un tiralatte non ti stimolerà le stesse sensazioni che ti procura il tuo bambino. Con il tempo, però, il tuo corpo dovrebbe imparare a indurre il riflesso di eiezione mentre estrai e la quantità di latte estratto dovrebbe aumentare.

1: Non avere fretta di iniziare a estrarre il latte...

Durante le prime quattro settimane, tu e il tuo bambino lavorate insieme per avviare e formare la tua produzione di latte. Se il tuo bambino gode di buona salute e l'allattamento al seno sta procedendo bene, significa che non hai bisogno dell'aiuto di un tiralatte per questo aspetto. L'estrazione è molto utile nel caso tu ti debba assentare (vedi il consiglio qui sotto), ma se non ne hai necessità, goditi questo periodo con il tuo bambino. Non preoccuparti, anche se in futuro vorrai estrarre il latte in modo regolare, non c'è bisogno di "allenare" il tuo corpo a estrarlo durante le prime settimane.

2: ...a meno che il tuo bambino non possa alimentarsi al seno

Se non puoi allattare il tuo bambino direttamente al seno, magari perché è prematuro o perché ha esigenze speciali, o se per qualche motivo venite allontanati, inizia con l'estrazione doppia appena puoi dopo il parto.

Le ricerche dimostrano che avviare l'estrazione del latte entro le prime ore, quando un neonato in salute fa normalmente la sua prima poppata, aiuta le mamme a produrre un volume di latte maggiore nei primi giorni e nelle prime settimane1,2 e dà ai bambini l'opportunità di essere nutriti esclusivamente con latte materno.

Se pensi che il tuo bambino, o i tuoi bambini, nasceranno prematuri, che verranno ricoverati nel reparto di terapia intensiva o che soffriranno di una condizione che renderà difficile allattarli al seno, preparati. Informati sull'estrazione e sulle attrezzature che ti potrebbero servire e chiedi aiuto a un professionista sanitario, a un consulente sanitario o a uno specialista dell'allattamento.

Il tuo ospedale o centro per la nascita avranno probabilmente a disposizione un tiralatte ospedaliero doppio; chiedi al personale di insegnarti a usarlo. È importante estrarre il latte tanto spesso quanto nutriresti il tuo bambino, così da continuare a stimolare il seno a produrre latte. Inizialmente, cerca di estrarre dalle otto alle 10 volte ogni 24 ore3 e mantieni questa frequenza anche dopo la montata lattea.

3: Trova il ritmo giusto

Durante la prima sessione di estrazione, estrai per almeno 15 minuti. Non ti preoccupare se il latte raccolto inizialmente non è molto, una suzione regolare stimolerà presto il tuo seno a produrne di più.

Per alcune mamme, le estrazioni effettuate un'ora dopo le poppate offrono una quantità maggiore di latte, mentre altre preferiscono estrarre una volta ogni due poppate. Prova a estrarre il latte in momenti diversi per capire cosa sia più adatto al tuo stile di vita. Non appena avrai trovato i momenti di estrazione più adatti a te, rispettali, cosicché il tuo corpo si abitui all'uso del tiralatte e alla maggiore richiesta di latte. Potresti essere tentata di allungare l'intervallo tra una sessione di estrazione e l'altra per raccogliere maggiori volumi di latte. Se i tuoi seni sono pieni però, un'unica sessione di estrazione non li drenerà completamente.3,4 Il segreto è estrarre con frequenza e regolarità.

4: Osserva l'igiene

Lavati sempre le mani prima e dopo ogni estrazione e pulisci i componenti del tiralatte che sono entrati in contatto con il latte o con la bocca del bambino. Sanificali almeno una volta al giorno, dopo averli puliti. Assicurati che tutti i componenti siano completamente asciutti prima di riporre il set per tiralatte in una borsa o in un contenitore puliti fino all'uso successivo.

5: Organizzati

Prima di iniziare una sessione di estrazione, assicurati di avere accanto tutto ciò che ti serve, così da non doverla interrompere. Potresti avere bisogno di una bevanda o di uno snack, del telefono, del telecomando, delle bottiglie o delle sacche per la conservazione del latte estratto e di un panno in mussola per assorbire eventuali gocce.

Un reggiseno per l'estrazione appositamente studiato per questo scopo ti permette di avere le mani libere, rendendoti più facile controllare i comandi e occuparti di altro durante l'estrazione.

6: Mettiti comoda

La posizione migliore per l'estrazione è quella in cui ti trovi più a tuo agio. Sentirti rilassata è fondamentale per garantire il rilascio dell'ossitocina, l'ormone che stimola il riflesso di eiezione. Sentirti scomoda ed essere distratta, al contrario, può ostacolare questo processo,5 per cui scegli un luogo riservato e confortevole e assicurati che le tue braccia e la tua schiena siano sostenute durante l'estrazione.

A meno che tu non stia usando un reggiseno per l'estrazione, tieni la coppa per il seno ferma tra il pollice e l'indice e usa il palmo della mano e le altre dita per sorreggere il seno. Spingi la coppa per il seno leggermente verso il seno; una pressione eccessiva potrebbe comprimere il tessuto mammario e ostruire il flusso di latte.

Alcune mamme ritengono che respirare profondamente, ascoltare musica distensiva, utilizzare tecniche di visualizzazione o farsi massaggiare la schiena o le spalle dal partner favoriscano un'estrazione di un maggior volume di latte.

7: Stimola l'eiezione di latte

La maggior parte dei tiralatte elettrici e a batteria Medela è dotata della tecnologia 2-Phase Expression, che imita il modo in cui il bambino si nutre (un'iniziale suzione veloce ma leggera seguita da una suzione più lenta ma decisa), favorendo la stimolazione dell'erogazione. Massaggiare il seno prima e durante l'estrazione6 e riscaldarlo7 con una applicazione calda, ad esempio con un asciugamano, prima dell'estrazione si sono dimostrate pratiche utili per aiutare la stimolazione del flusso di latte e aumentare il volume di latte raccolto.

Gli scienziati hanno scoperto che anche il contatto pelle a pelle tra mamma e bambino prima e durante l'estrazione può favorire l'estrazione di quantità maggiori di latte.8 Il calore della pelle del tuo bambino e il contatto con la tua, infatti, fa sì che venga rilasciata ossitocina nel corpo.9 Alcune mamme notano risultati migliori se, durante l'estrazione da un seno, allattano il loro bambino dall'altro seno, aumentando così la stimolazione.

Se non puoi avere il tuo bambino con te, prova a guardare una sua foto o un suo video o ad annusare un suo capo d'abbigliamento mentre estrai il latte.10 Riuscire a creare un contatto con il bambino durante l'estrazione è un ulteriore modo per aumentare il livello di ossitocina e favorire il flusso di latte.

8: Approfitta del tuo flusso di latte

Molte mamme non riescono ad avvertire il riflesso di eiezione, quindi fai attenzione durante l'estrazione. Te ne accorgerai nel momento in cui inizierai a notare getti di latte materno che schizzano nella bottiglia o nella sacca per la raccolta.11

I tiralatte con tecnologia 2-Phase Expression sono dotati di una modalità di stimolazione e di una modalità di estrazione. La modalità di stimolazione dura circa due minuti, ma è importante passare alla fase di estrazione non appena il latte inizia a fluire come descritto. La prima eiezione tipicamente fornisce circa il 36% del volume di latte e dunque, così facendo, approfitti del tuo flusso per raccogliere più latte.12

9: Trova il tuo livello di comfort

Durante la fase di estrazione, estrai con il massimo vuoto confortevole, ossia impostando il tiralatte al livello più alto che puoi usare continuando a rimanere a tuo agio. Secondo le ricerche, questo metodo permette di raccogliere un volume di latte simile a quello estratto dal bambino durante l'allattamento al seno.13,14

Per trovare il livello adatto per te, aumenta gradualmente la suzione del tiralatte fino a percepire una lieve sensazione di disagio e poi abbassala leggermente.

10: Personalizza la durata delle tue sessioni di estrazione

Dopo circa quattro-sei settimane, una volta che la produzione di latte si è stabilizzata, puoi iniziare a personalizzare il numero di minuti trascorsi ad estrarre, risparmiando tempo prezioso. Alcune mamme devono effettuare sessioni di estrazione più lunghe a causa del numero di eiezioni, che determina la frequenza e la durata del flusso di latte.4,15 Il fatto straordinario è che, nonostante ogni mamma abbia un suo ritmo di flusso, esso rimane invariato a ogni estrazione o poppata.16

Come fai a sapere qual è il tuo ritmo? Scegli un orario in cui normalmente estrai la quantità maggiore di latte e osserva l'estrazione, notando quando i getti di latte iniziano a fuoriuscire dal capezzolo e quando invece fuoriesce a gocce.

Una mamma che ha eiezioni di latte solamente durante la fase iniziale di estrazione, rimuove la maggior parte del latte entro i primi otto-dieci minuti e anche se continuasse a estrarre, non raccoglierebbe altro latte. Al contrario, una mamma che ha molte emissioni o che ha emissioni tardive, può necessitare di 15 minuti o più per drenare completamente il seno.15

11: Raddoppia

Se hai intenzione di estrarre il latte con regolarità, vale la pena di acquistare un tiralatte doppio. L'estrazione doppia aumenta il livello di prolattina, l'ormone produttore di latte, nel corpo.17 Le ricerche hanno dimostrato che le donne che effettuano un'estrazione doppia osservano un riflesso di eiezione aggiuntivo in ogni sessione di estrazione. Ciò significa che, grazie all'estrazione doppia, tipicamente estraggono quasi un quinto in più di latte rispetto all'estrazione da un seno alla volta e raccolgono latte con un contenuto di grassi più elevato.18 È un valore aggiunto, perché oltre a risparmiare tempo, dopo alcune sessioni di estrazione potresti anche aver raccolto una bottiglia in più.

12: Non ignorare il disagio

L'estrazione di latte materno non deve essere dolorosa. Se provi dolore durante l'estrazione o se noti delle vesciche o uno sfregamento su capezzoli o seno, prova a ridurre la suzione del tiralatte.

Assicurati anche di utilizzare una coppa per il seno della misura corretta (la parte a forma di imbuto che posizioni sul seno). Il condotto della coppa per il seno deve circondare il capezzolo, ma deve lasciargli abbastanza spazio per muoversi liberamente avanti e indietro senza sfregare contro il condotto stesso. Durante l'estrazione, la coppa per il seno non deve sfregare o premere verso il condotto una parte troppo ampia dell'areola (la zona scura attorno al capezzolo) o della cute che la circonda. Una coppa per il seno non adatta può ridurre la quantità di latte estratto ed è per questo che Medela offre varie misure di coppe per il seno.

Se, dopo aver seguito questi consigli, il dolore persiste, interrompi l'estrazione e parla con un consulente per l'allattamento o con uno specialista dell'allattamento.

Bibliografia
  1. Parker L et al. Optimal Time to Initiate Breast Milk Expression in Mothers Delivering Extremely Premature Infants. FASEB Journal. 2017;31(1 Supplemento):650-19.
  2. Parker LA et al. Effect of early breast milk expression on milk volume and timing of lactogenesis stage II among mothers of very low birth weight infants: a pilot study. J Perinatol. 2012;32(3):205.
  3. Kent JC et al. Principles for maintaining or increasing breast milk production. J Obstet Gynecol Neonatal Nurs. 2012;41(1):114-21.
  4. Prime DK et al. Dynamics of milk removal during simultaneous breast expression in women. Breastf Med. 2012;7(2):100-6.
  5. Ueda T et al. Influence of psychological stress on suckling-induced pulsatile oxytocin release. Obstet Gynecol. 1994 Aug;84(2):259-62.
  6. Jones E et al. A randomised controlled trial to compare methods of milk expression after preterm delivery. Arch Dis Child Fetal Neonatal Ed. 2001;85(2):F91-5.
  7. Yiğit F et al. Does warming the breasts affect the amount of breastmilk production? Breastfeed Med. 2012;7(6):487-8.
  8. Acuña-Muga J et al. Volume of milk obtained in relation to location and circumstances of expression in mothers of very low birth weight infants. J Hum Lact. 2014;30(1):41-6.
  9. Vittner D et al. Increase in Oxytocin From Skin-to-Skin Contact Enhances Development of Parent-Infant Relationship. Biol Res Nurs. 2018;20(1):54-62.
  10. Keith DR et al. The Effect of music-based listening interventions on the volume, fat content, and caloric content of breast milk–Produced by mothers of premature and critically ill infants. Adv Neonatal Care. 2012;12(2):112-9.
  11. Prime DK et al. Comparison of the patterns of milk ejection during repeated breast expression sessions in women. Breastfeed Med. 2011;6(4):183-90.
  12. Kent JC et al. Response of breasts to different stimulation patterns of an electric breast pump. J Hum Lact. 2003;19(2):179-86.
  13. Kent JC et al. Importance of vacuum for breastmilk expression. Breastfeed Med. 2008;3(1):11-9.
  14. Kent JC et al. Volume and frequency of breastfeedings and fat content of breast milk throughout the day. Pediatrics. 2006;117(3):e387-95.
  15. Kent JC et al. Principles for maintaining or increasing breast milk production. J Obstet Gynecol Neonatal Nurs. 2012;41(1):114-21.
  16. Gardner H et al. Milk ejection patterns: an intra-individual comparison of breastfeeding and pumping. BMC Pregnancy Childbirth. 2015;15(1):156.
  17. Hill PD et al. The effect of sequential and simultaneous breast pumping on milk volume and prolactin levels: a pilot study. J Hum Lact. 1996 Sep;12(3):193-9.
  18. Prime DK et al. Simultaneous breast expression in breastfeeding women is more efficacious than sequential breast expression. Breastfeed Med. 2012;7(6):442-7.