Produzione di latte materno: come funzionano la domanda e l'offerta

Sapevi che il tuo seno produce latte per soddisfare la domanda del tuo bambino? Continua a leggere per scoprire informazioni interessanti sulla produzione di latte materno nei primi giorni, settimane e mesi

Breast milk production: How supply and demand works

Il tuo corpo è in grado di produrre latte materno per soddisfare le esigenze del tuo bambino in ogni fase del percorso di allattamento. Comprendere come si "attiva" la tua produzione di latte, cosa succede al tuo latte quando il tuo bambino si alimenta al seno e perché la tua produzione è in sintonia con lui durante la crescita, ti aiuterà a iniziare al meglio il percorso di allattamento al seno.

Il primo giorno: la produzione di latte materno alla nascita

Il tuo bambino dovrebbe essere pronto ad alimentarsi sin dalla nascita. Attaccandosi e succhiando ritmicamente, il neonato aiuta ad "attivare" le cellule che producono latte e ad avviare la produzione del tuo primo latte, il colostro.1 Cerca di allattarlo durante la sua prima ora di vita, se possibile, e non appena si mostra interessato a mangiare nuovamente, per contribuire a gettare le basi per una buona produzione di latte in futuro.2

I primissimi giorni: la montata lattea

Durante questa fase di produzione del latte materno il tuo corpo è in attesa che i livelli di progesterone (l'ormone della gravidanza) diminuiscano (iniziano ad abbassarsi dopo l'espulsione della placenta) e che entrino in azione gli ormoni che producono latte, tra cui prolattina, insulina e idrocortisone. Gli ormoni ti aiutano ad avviare la tua produzione di latte.3 Tre giorni dopo il parto si verifica la "montata lattea", in cui il seno inizia a diventare più pieno e sodo.1

Il primo mese: sviluppare la tua produzione di latte

Nelle prime settimane il tuo corpo è estremamente reattivo all'estrazione del latte, poiché sta imparando quanto latte materno produrre. I livelli di prolattina aumentano ogni volta che rimuovi il latte dai tuoi seni, assicurandone il completo sviluppo. Questo processo permette anche la maturazione della composizione del latte: durante questa fase di produzione di latte materno, il tuo corpo produce latte di transizione in quantità destinate ad aumentare.3,4

Le prime settimane con il tuo bambino sono fondamentali per avviare una buona produzione di latte materno a lungo termine. Più frequentemente il tuo bambino si alimenta al seno maggiore è la tua produzione di latte, attraverso un processo di domanda e offerta. Ogni volta che il latte viene rimosso dal tuo seno, sia esso con l'allattamento del tuo bambino o con l'estrazione, la tua produzione aumenta.

Ricorda: è normale che i bambini mangino molto, persino anche ogni 45 minuti, ma questo non significa che non stiano ricevendo latte a sufficienza. Alimentare il tuo bambino con frequenza ti aiuta a sviluppare la produzione di latte; pertanto, alimentalo su richiesta anziché seguendo un programma.

"Nelle prime settimane è facile pensare di non produrre abbastanza latte, dato che il neonato si alimenta continuamente, ma questo è del tutto naturale", afferma Jo, due figli, dal Regno Unito. "Siamo abituati a pensare che un bambino minuto desideri mangiare soltanto a distanza di poche ore, ma questo non è necessariamente vero".

Non dimenticare, inoltre, che i bambini si alimentano anche per conforto. L'allattamento al seno offre al neonato calma e appagamento mentre si adatta alla sua vita fuori dall'utero, oltre ad aiutarti a instaurare un legame con lui.

Proteggere la produzione di latte materno nel primo mese

Se ti lasci guidare dal tuo bambino, lasciandolo alimentarsi al seno tutte le volte che desidera e per tutto il tempo che vuole, la tua produzione di latte dovrebbe adattarsi.5

Alcune mamme cercano di aumentare la distanza tra le poppate per offrire al seno più tempo per produrre il latte; tuttavia, non si tratta di una buona idea, in quanto potrebbe rallentare la tua produzione di latte.2

Se nelle prime due settimane non riesci ad allattare direttamente il tuo bambino, puoi estrarre il latte per sviluppare e mantenere la tua produzione di latte per questo importante periodo e oltre.

Sapevi che integrare le tue poppate con bottiglie di latte in polvere in realtà può ridurre la tua produzione di latte materno? Infatti, poiché il latte non viene rimosso, il seno non riceve il messaggio di aumentare la produzione di latte materno. Inoltre, se il tuo bambino dorme più a lungo dopo una bottiglia potrebbe perdere la successiva poppata al seno che invece avrebbe fatto seguendo il ritmo naturale.

Questa usanza è nota anche come il tranello dell'integrazione di latte. Dopo aver integrato le poppate con latte in polvere e aver estratto meno latte per tre o quattro giorni, il seno riceve il messaggio che è iniziato lo svezzamento, riducendo così la quantità di latte che produce. Di conseguenza, il bambino ha ancora fame e occorre integrare nuovamente la sua alimentazione con latte in polvere. E così il ciclo continua... causando una scarsa produzione di latte materno e facendo sì che il neonato venga alimentato principalmente con latte in polvere. 

La tua produzione di latte materno oltre le sei settimane

Dopo il primo mese i picchi di prolattina dopo l'allattamento iniziano a diminuire, il tuo latte è maturo e il tuo corpo è diventato efficiente nel produrre tutto il latte necessario di cui il tuo bambino ha bisogno. Infatti, il seno inizia a lavorare come se avesse inserito il pilota automatico.4 Potresti anche notare che in questo periodo è più morbido e non genera più perdite.

A questo punto è normale temere che "stai perdendo il latte". In realtà, è un segno che la tua produzione di latte si è stabilizzata ed è commisurata alle esigenze del tuo bambino. È interessante notare che, benché continui a crescere, il tuo bambino a sei settimane assume circa la stessa quantità di latte che assumerà quando avrà sei mesi. Potresti constatare che il tuo bambino si nutre per periodi più lunghi, ma con minore frequenza. D'altra parte, alcuni giorni potrebbe alimentarsi un po' meno del solito: l'appetito del neonato può variare proprio come quello dell'adulto!

Da questo momento in avanti produci il tuo latte soltanto sulla base della domanda e dell'offerta. Quindi, più il tuo bambino si alimenta al seno (o estrai) più latte produci.

Ma come funziona effettivamente questo processo? Si pensa che sia possibile grazie a una sostanza presente nel latte materno chiamata FIL ("feedback inhibitor of lactation", inibitore retroattivo della lattazione) che controlla la produzione di latte. Più latte contiene il tuo seno più FIL è presente; di conseguenza, un seno pieno produce meno latte di uno che è quasi vuoto.2

La tua produzione di latte è normale?

Sebbene sia normale che le mamme si preoccupino della propria produzione di latte e di come aumentarla, quando i bambini sono in buona salute e crescono bene la probabilità di avere problemi è incredibilmente rara.

"Ero preoccupata che la mia neonata non ricevesse abbastanza latte, dato che si nutriva soltanto per brevi periodi e sempre da un seno alla volta, sebbene glieli offrissi entrambi", racconta Marjorie, due figli, dal Regno Unito. "Ma quando ho usato un tiralatte per l'estrazione sono rimasta sorpresa e rassicurata da quanto latte producevo. Ho dovuto semplicemente continuare ad allattarla poco e spesso".

Tuttavia, considera che non tutte le mamme rispondono rapidamente al tiralatte. Potresti provare anche a estrarre manualmente e sentire se il seno passa da pieno a vuoto.

Se sei preoccupata per la tua produzione di latte, leggi i nostri consigli su come capire se si ha una scarsa produzione di latte o se si produce troppo latte.

Bibliografia

1 Pang WW, Hartmann PE. Initiation of human lactation: secretory differentiation and secretory activation. J Mammary Gland Biol Neoplasia. 2007;12(4):211-221.

2 Kent JC et al. Principles for maintaining or increasing breast milk production. J Obstet Gynecol Neonatal Nurs. 2012;41(1):114-121.

3 Ostrom KM. A review of the hormone prolactin during lactation. Prog Food Nutr Sci. 1990;14(1):1-43.

4 Cox DB et al. Blood and milk prolactin and the rate of milk synthesis in women. Exp Physiol. 1996;81(6):1007-1020.

5 Kent JC et al. Volume and frequency of breastfeedings and fat content of breast milk throughout the day. Pediatrics. 2006;117(3):e387-95.