Troppo latte materno? Come ridurre la produzione eccessiva

A volte potresti avere la sensazione di produrre troppo latte materno, soprattutto nelle prime settimane di allattamento. Continua a leggere per scoprire se hai realmente una produzione eccessiva di latte materno e cosa puoi fare al riguardo.

Breast milk supply: not enough breast milk

Il latte materno è un alimento prezioso, quindi è un bene averne molto, giusto? Beh, non sempre... Alcuni bambini hanno difficoltà a gestire il flusso di latte veloce che solitamente accompagna una produzione di latte sovrabbondante. Inoltre, le mamme con una produzione eccessiva possono sentirsi a disagio, avendo frequenti e costanti perdite di latte, e hanno maggiori probabilità di soffrire spesso di mastite

Fortunatamente, esistono numerose strategie che possono aiutarti a risolvere il problema. Tuttavia, prima di provarne una, poniti due domande importanti:

Ho realmente troppo latte materno?

Alcuni indizi di una produzione eccessiva (descritti di seguito) possono avere una serie di altre possibili cause. È imprudente cercare di ridurre la tua produzione di latte fino a quando non sei certa che il problema di base sia realmente la produzione eccessiva. Diversamente, potresti finire per avere meno latte materno di quello di cui il tuo bambino ha bisogno, in particolare durante il primo mese quando cerchi di avviare la tua produzione.

La produzione eccessiva di latte pone problemi a me o al mio bambino?

Se sei sicura di produrre latte in eccesso, ma tu e il tuo bambino state bene, non occorre fare nulla. Nella maggior parte dei casi il problema si risolve dopo i primi mesi. Inoltre, man mano che il bambino cresce, migliorerà nel gestire il flusso di latte veloce e potrebbe persino imparare ad apprezzarlo!

Perdere latte non sempre significa averne in eccesso

Nelle prime quattro–sei settimane dalla nascita del tuo bambino i tuoi livelli di prolattina (l'ormone responsabile della produzione di latte) aumentano ogni volta che il latte viene rimosso dal tuo seno. In queste prime settimane il tuo seno impara di quanto latte materno ha bisogno il tuo bambino e quanto produrne ogni ora. Di conseguenza, è normale e comune che si verifichino perdite eccessive, che il seno si riempia rapidamente o che spruzzi latte durante l'erogazione.1

Allo stesso tempo, il neonato impara anche a coordinare il modo di suzione e di ingestione, per cui può accadere che abbia un po' di tosse e di rigurgito.

Dopo circa quattro o sei settimane gli aumenti di prolattina diminuiscono gradualmente e la tua produzione di latte inizia ad adottare un processo di "domanda e offerta" più semplice, basato sulle esigenze del tuo bambino.2 Tuttavia, con così tanti cambiamenti ormonali nel tuo corpo di neo-mamma, non c'è da stupirsi che occorra del tempo per adattarsi. Alcune mamme notano che la loro produzione di latte si stabilizza rapidamente, mentre per altre potrebbe volerci un po' più tempo.

Indizi di una produzione eccessiva di latte materno nel tuo bambino

La produzione eccessiva di latte sembra andare di pari passo con un flusso veloce, specialmente durante la prima eiezione. Il tuo neonato potrebbe reagire tossendo e rigurgitando verso l'inizio della poppata, stringendo, mordendo o tenendo il seno molto morbidamente in bocca. Potrebbe staccarsi dal seno, perché il flusso veloce rappresenta una sorta di shock per lui, e poi piangere perché la sua poppata è stata interrotta. Probabilmente ingerirà grandi quantità di latte, oltre a molta aria, e di conseguenza potrebbe avere frequenti rigurgiti e l'esigenza di fare spesso ruttini. Quando gli fai fare il ruttino sii il più delicata possibile: movimenti bruschi combinati a una pancia piena possono causare vomito e fare stare male alcuni neonati.

All'inizio dell'allattamento il latte che il tuo bambino riceve è relativamente povero di grassi ed è costituito principalmente da lattosio (zucchero) e proteine. Man mano che l'allattamento prosegue e il seno si svuota, il contenuto di grassi del tuo latte aumenta costantemente. In caso di produzione eccessiva il tuo bambino potrebbe saziarsi prima di aver drenato completamente il tuo seno. Ciò significa che il bambino potrebbe beneficiare di una grande quantità di latte materno ricco di lattosio, ma non altrettanto del latte ad alto contenuto di grassi che fluisce al termine della poppata. Un eccesso di lattosio, anziché essere un pasto equilibrato, può risultare indigesto per i bambini, causando feci a spruzzo, schiumose e verdognole.

Paradossalmente, in questa situazione il tuo bambino potrebbe voler mangiare costantemente ed essere irritabile tra una poppata e l'altra (anche se sta assumendo molte calorie, il basso contenuto di grassi nel latte fa sì che non sia mai completamente sazio). Infatti, sono i grassi presenti nel cibo che ci fanno sentire sazi. Pensa alla differenza tra consumare di cracker di riso in quantità e mangiare un po' di formaggio e biscotti: il formaggio ti fa sentire più sazia perché ha un contenuto maggiore di grassi.

Tuttavia, tutti i sintomi appena descritti possono essere attribuiti ad altre cause come reflusso, allergie o anche, al contrario, a una scarsa produzione di latte. Soltanto se questi sintomi si accompagnano a un aumento di peso eccessivo è probabile che siano causati da una produzione eccessiva di latte. I bambini dovrebbero acquisire circa 900 g al mese; tuttavia, in caso di produzione eccessiva ne acquisiscono molti di più (spesso circa il doppio).1 Se il tuo bambino manifesta sintomi di produzione eccessiva ma il suo peso aumenta in linea con il valore medio, rivolgiti a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento al seno.

Sintomi di produzione eccessiva

Le mamme con troppo latte materno spesso manifestano sensazioni di disagio dovute a ingorgo e tensione mammaria, percependo costantemente il seno come "troppo pieno".3 Come abbiamo visto, è normale avere perdite di latte nelle prime sei settimane circa e, solitamente, non sono un segnale di produzione eccessiva. Tuttavia, se noti ancora perdite di latte ogni volta che allatti il tuo bambino dopo questo periodo, potrebbe essere presente un problema.

Poiché il bambino non riesce a drenare un seno molto pieno, è normale soffrire di dotti bloccati o di ripetuti attacchi di mastite a causa della produzione eccessiva. Tuttavia, questi problemi possono essere anche determinati da altre cause.

Come ridurre la produzione di latte

Se hai stabilito che hai troppo latte materno ed è un problema, ecco alcune semplici strategie che ti possono aiutare. Per alcune mamme sono rimedi sufficienti:

  • Allattare in posizione reclinata: alimentare in posizione reclinata o distesa può essere utile perché permette al tuo bambino un maggiore controllo. Infatti, può stabilire il ritmo e sollevare la testa per fare una pausa se il tuo flusso è troppo veloce per lui. Ricordati di posizionare un asciugamano sotto di te per raccogliere il latte in eccesso!
  • Allevia la pressione del seno: se provi fastidio al tuo seno puoi estrarre manualmente oppure estrarre un po' di latte per alleviarlo (estrai la minor quantità possibile). Ogni volta che estrai il latte, infatti, il tuo seno riceve il messaggio di produrne di più. Così, sebbene l'estrazione possa recare sollievo temporaneo, alla lunga potrebbe peggiorare il problema. Se hai bisogno di estrarre e conservare il latte per i momenti in cui sei lontana dal tuo bambino, è meglio attendere fino a quando non hai risolto il problema della produzione eccessiva.
  • Prova le coppette assorbilatte: se perdi il latte, indossare le coppette assorbilatte o le coppe raccoglilatte all'interno del reggiseno potrebbe aiutarti a rimanere asciutta. Se le tue perdite di latte sono leggere o moderate, o se hai perdite di latte durante la gravidanza, le coppette assorbilatte usa e getta Ultra thin ti aiuteranno a sentirti a tuo agio, con discrezione.   
  • Evita i tè e gli integratori per la lattazione: se bevi tè o mangi biscotti per la lattazione oppure assumi integratori a base di erbe per stimolare la produzione di latte materno nei primi giorni, smetti: questi prodotti potrebbero essere parte del problema.

Allattamento a uno specifico intervallo di ore per ridurre la produzione di latte

Se hai provato i suggerimenti sopra forniti ma tu o il tuo bambino continuate ad avere problemi, alimentare il tuo bambino da un unico seno per uno specifico intervallo di ore potrebbe rendere la tua produzione più gestibile. Chiedi consiglio a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento prima di provare questo metodo.

Con questa tecnica allatti il tuo bambino al seno ogni volta che vuole per un periodo di quattro ore, ma da un solo seno. L'altro seno si riempe quindi di latte. Poiché il tuo latte materno contiene una sostanza chiamata inibitore retroattivo della lattazione (FIL, feedback inhibitor of lactation), l'eccessiva pienezza segnala a quel seno di rallentare la produzione di latte. In questo modo il tuo corpo fa sì che il tuo seno non si riempia all'infinito.

Prova questa tecnica per 24 ore, alternando i seni ogni quattro ore. Se non riscontri miglioramenti, aumenta la lunghezza dei blocchi a sei ore.

Tecnica di drenaggio completo con alimentazione a uno specifico intervallo di ore

Se non noti ancora alcun miglioramento dopo altre 24 ore, esiste un'altra versione di questa tecnica che può essere adatta alle mamme con una produzione di latte ancora più intensa, chiamata "drenaggio completo con alimentazione a uno specifico intervallo di ore".3

Con questo metodo utilizzi un tiralatte elettrico per drenare completamente il seno all'inizio della giornata per poi allattare il tuo bambino subito dopo. Il flusso è più lento, così il tuo bambino dovrebbe riuscire a gestirlo meglio. Inoltre, assimila una maggior quantità di latte ad alto contenuto di grassi che fluisce verso la fine della poppata, quindi si sente più sazio.

Quindi, puoi iniziare ad alimentare il tuo bambino da un solo seno per quattro ore alla volta, come indicato sopra. Se questo metodo non è efficace, passa a blocchi di sei, otto o 12 ore il giorno successivo, a seconda della gravità del problema legato al troppo latte materno. Prima di provare questa tecnica rivolgiti a un professionista sanitario.

Potresti non dover drenare completamente il seno dopo la prima volta, sebbene alcune mamme debbano farlo una o due volte in più. Alcune mamme notano un miglioramento entro uno o due giorni, o un po' più a lungo; tuttavia, l'alimentazione a uno specifico intervallo di ore non dovrebbe essere proseguita per più di cinque giorni.

Bibliografia

1 Morbacher N. Breastfeeding answers made simple. Amarillo TX, USA: Hale Publishing; 2010.

2 Cox DB et al. Blood and milk prolactin and the rate of milk synthesis in women. Exp Physiol. 1996;81(6):1007-1020.

3 van Veldhuizen-Staas CG. Overabundant milk supply: an alternative way to intervene by full drainage and block feeding. Int Breastfeed J. 2007;2(1):11.