Cosa aspettarsi dopo il ritorno a casa con il neonato

È il momento in cui i neo-genitori si rendono conto che le loro vite sono cambiate per sempre. Ecco come affrontare queste prime straordinarie, a volte estenuanti, 48 ore a casa con il tuo neonato. Tornare a casa dopo il parto

Bringing your baby home: the first 48 hours

A seconda di come va il parto, come sta il bambino e dove vivi potresti portarlo a casa dall'ospedale o dalla clinica entro qualche ora oppure nel giro di alcuni giorni. Se partorisci in casa senza complicazioni vieni messa subito a letto. Tuttavia, indipendentemente dal numero di corsi preparto che i neo-genitori hanno frequentato o dai libri sulla genitorialità che hanno letto, il fatto di avere un neonato tra le braccia può far sorgere loro la domanda: "Cosa facciamo adesso?". È normale; sono molte le cose da imparare. Affronta tutto con calma, sii gentile con te stessa e non aver paura di cercare aiuto.

Riceveremo aiuto a casa?

L'attaccamento del tuo bambino avrebbe dovuto essere valutato da un professionista sanitario, da un consulente o da uno specialista dell'allattamento dopo il parto, per iniziare al meglio il percorso di allattamento al seno. Anche se ti è stato riferito che il tuo bambino non ha problemi di attaccamento, per qualsiasi dubbio è consigliabile farlo ricontrollare.

Prendi un appuntamento con il tuo pediatra per un controllo del peso entro un paio di giorni dalla nascita. A seconda di dove vivi, potresti ancora essere in ospedale oppure un assistente sanitario potrebbe venire a casa tua. I neonati possono perdere fino al 10% del proprio peso nei primi giorni; tuttavia, dovrebbero iniziare a recuperarlo entro il quinto o il sesto giorno e tornare al loro peso alla nascita entro il 10°–14° giorno di vita. Se il ritmo del tuo bambino è diverso da quello indicato, consulta un medico. 

"Ho scoperto dopo alcuni giorni che il mio primogenito soffriva di anchiloglossia. In ospedale mi avevano detto che l'attaccamento era buono, inoltre non provavo dolore durante l'allattamento; quindi, la diagnosi è avvenuta soltanto perché non prendeva peso. L'abbiamo fatto operare e dopo è stato bene", ricorda Emma, un figlio, dall'Australia.

Come posso prepararmi per l'allattamento al seno a casa?

Idealmente, avrai già tutto pronto per il tuo primo giorno a casa con il tuo neonato, da pannolini, panni in mussola e comodi cuscini per lui, a creme per capezzoli, coppette assorbilatte, snack e bevande sane per te. Trova un posto comodo e pratico per allattare a casa: probabilmente vi trascorrerai molto tempo!

"Il mio divano era troppo basso per sedermi dopo il cesareo, così abbiamo ordinato online alcuni cuscini di emergenza", ricorda Alex, un figlio, dal Regno Unito. "Ho anche creato due "aree per l'allattamento", una vicino al divano e una accanto al letto, con tutto l'occorrente (snack sani, acqua, caricabatterie del cellulare, burrocacao, panni in mussola e telecomando). Nessuno era autorizzato a spostare nulla!"

Di quali cure avrà bisogno il mio neonato?

I neonati sono creature piuttosto semplici. Purché siano ben nutriti, comodi e confortati dovrebbero fare il pieno di un bene prezioso: il riposo!

Infatti, il neonato può essere molto sonnolento nelle prime 24 ore. È del tutto normale che si svegli e si alimenti più frequentemente il giorno seguente e all'arrivo della montata lattea (di solito due-quattro giorni dopo il parto). Utilizza questo tempo per riposarti e adattarti, tenendo il tuo bambino vicino giorno e notte per rassicurarlo, sia che si trovi in una culla di vimini, in un lettino accanto al letto o in una fascia se sei di nuovo in piedi.

È naturale per il tuo bambino voler stare tra le tue braccia; l'unica cosa che conosce da nove mesi sei tu e venire al mondo può essere un'esperienza travolgente. Essere tenuto in braccio e cullato dolcemente da te, dal tuo partner o da un'altra persona cara e affidabile aiuterà a calmarlo e a confortarlo. Assecondalo il più possibile; questa fase è breve e passerà man mano che cresce e impara a stare da solo per periodi più lunghi.

Questo contatto pelle a pelle rilascia anche un potente ormone in entrambi, chiamato ossitocina. Il rilascio di ossitocina avviene anche quando sei vicina al tuo bambino, lo guardi, lo senti piangere o pensi semplicemente a lui. Questo straordinario ormone ti aiuta a instaurare un forte legame madre-figlio che durerà per tutta la vita. Inoltre, aiuta il flusso del latte durante l'allattamento e l'estrazione; pertanto, più vicino stai al tuo bambino più facile è avviare la tua produzione di latte e iniziare al meglio il percorso di allattamento.

In questa fase iniziale è sconsigliabile "viziare" il neonato o dare il via a "cattive abitudini"; quindi, se i tuoi parenti, anche se mossi da buone intenzioni, suggeriscono di farlo, ignorali. Non cercare di fare seguire al tuo bambino un programma di alimentazione; è troppo piccolo e, in ogni caso, molti bambini non si adattano mai a una routine prestabilita. Al contrario, allattalo su richiesta ogni volta che mostra i primi segnali di fame, ad esempio movimenti di suzione e di ricerca del seno, che ti aiuteranno ad avviare la tua produzione di latte. Inoltre, se vuoi monitorare l'andamento dell'allattamento al seno e dei pannolini utilizza un'applicazione come MyMedela.

Cerca di riconoscere i segnali che indicano che il tuo bambino sta assumendo latte a sufficienza: la quantità di popò e pipì è fondamentale. Il primo giorno dovrebbe fare una o più volte della popò nera e appiccicosa (meconio) e urinare una volta. Il secondo giorno dovrebbe produrre feci color marrone scuro-tendente al verde (che gradualmente diventeranno meno appiccicose) e urinare due volte. Se non dovesse essere così, contatta il tuo consulente sanitario.

Di quali cure avrò bisogno io?

Il tuo corpo ha bisogno di riposo e tempo per riprendersi, anche dopo un parto senza complicazioni. Lascia che il tuo partner o i tuoi parenti si occupino il più possibile dei cambi di pannolino, di cucinare e di prendersi cura dei figli più grandi; oppure, se te lo puoi permettere, assumi qualcuno che ti dia una mano. Risparmia le tue energie per le settimane che ti aspettano e concentrati sul legame con il tuo bambino e sullo sviluppo della tua produzione di latte. Tutto il resto può aspettare.

"Acquista quello che ti serve online, lascia che gli altri ti preparino da bere e mangia spesso e in abbondanza per mantenerti in forze", consiglia Gillian, un figlio, dal Regno Unito. "La prima settimana è stata stupenda, ma non mi aspettavo l'intensità delle successive! Riposarsi è essenziale".

Non sentirti obbligata a ricevere visite; invita soltanto persone che ti portano qualcosa di utile o ti sostengono. "Se puoi, serba questo momento speciale soltanto per te, il tuo partner e il vostro bambino", suggerisce Kerry-Lynne, due figli, dal Regno Unito. "All'inizio mi sentivo a disagio ad allattare il mio bambino di fronte ad altre persone, non riuscendo così a ottenere un attaccamento corretto".

Come può aiutarmi il mio partner nei primi giorni di allattamento al seno?

Mentre le mamme ovviamente svolgono il ruolo più importante nell'allattamento al seno, ci sono molte cose che il tuo partner e che altri familiari possono fare per sostenerti e legare con il bambino, come per esempio aiutare a sistemarlo e calmarlo con il contatto pelle a pelle oppure portarlo in una fascia.

Potrebbero anche fungere da veri e propri "guardiani", riducendo al minimo il numero di visite cosicché tu possa riposare. Molte neomamme raccontano di non riuscire a dormire durante il giorno, ma con un po' di pratica e un piccolo aiuto dal tuo partner puoi imparare a fare un breve "pisolino rigenerante". Assicurati che la camera da letto sia buia e tranquilla e rimuovi eventuali schermi digitali o telefoni cellulari. Anche se ti sdrai soltanto per 20 minuti in tranquillità, senza distrazioni, mentre il tuo partner si prende cura del tuo bambino il tuo corpo riesce a riposarsi. Dopo un po' di pratica dovresti rilassarti e riuscire a dormire.

"Non avrei potuto superare quei primi giorni senza mio marito", racconta Kate, due figli, dal Regno Unito. "Con entrambe le nostre figlie si alzava per passarmi la bambina a ogni poppata, cambiava i pannolini e le rimetteva a dormire subito dopo. Se una delle due era inquieta nelle prime ore del mattino, la portava al piano di sotto e la coccolava".

È stato dimostrato che questo tipo di sostegno è utile nell'allattamento al seno: uno studio ha scoperto che le neomamme che hanno dichiarato di avere ricevuto un sostegno per l'allattamento da parte dei propri partner durante il primo periodo successivo al parto avevano maggiori probabilità di avviare l'allattamento al seno e avevano mostrato una durata più lunga di questa pratica.1

Perché mi sento giù?

Non è raro sentirsi sole e indifese una volta a casa. Non aver paura di rivolgerti a qualcuno che conosci o a un professionista sanitario. Durante la prima settimana dopo il parto molte mamme si sentono emotive, triste o irritabili e soffrono del "baby blues" a causa dell'aumento degli ormoni durante la montata lattea.2 Questi sintomi sono normali e solitamente si protraggono per pochi giorni. Tuttavia, se queste sensazioni non passano entro due settimane o se ti senti sempre più giù di morale e sconfortata, rivolgiti a un professionista sanitario.

"È stato un momento molto delicato e ringrazio una mia amica per avermi informata che il terzo giorno avrebbe potuto essere ancora più difficile", racconta Mariah, un figlio, dal Canada. "È normale che questo momento sia molto difficile".

Perché allattare al seno non mi viene naturale?

Potresti pensare che qualcosa di così naturale e importante come l'allattamento al seno risulti spontaneo, ma in realtà occorre tempo per impratichirsi. Come per imparare a guidare un'auto o per qualsiasi nuova abilità, l'allattamento al seno richiede pratica ed è normale avere giornate positive e negative. Si tratta di uno shock per molte neo-mamme:  "Pensavo che sarebbe stato facile e che sarebbe stato sufficiente posizionare il mio bambino sul seno, ma mi sbagliavo," racconta Joanne, un figlio, dal Regno Unito. "Parlando con le amiche mi rendo conto che molte pensano la stessa cosa, ma nessuna lo dice".

Un sondaggio condotto su alcune mamme americane ha rilevato che il 92% di esse ha avuto problemi con l'allattamento entro il terzo giorno; quindi, se le cose stanno così, non preoccuparti: fai un bel respiro e chiedi consiglio.3 Procurati un elenco di numeri di consulenti per l'allattamento o di specialisti dell'allattamento al seno e di gruppi o siti web di supporto utili prima dell'arrivo del tuo bambino nel caso in cui ne avessi bisogno.

"Se puoi, partecipa a una riunione locale de La Leche League per avere qualche consiglio e ricevere supporto di gruppo", suggerisce Jane, due figli, dagli USA.

Michelle, un figlio, dall'Australia, consiglia: "Ottieni quanta più assistenza e consigli possibili da persone qualificate, ma cerca di evitare persone incompetenti che potrebbero confonderti nelle prime 48 ore".

Infine, non essere tentata di somministrare al tuo bambino una bottiglia di latte artificiale perché un parente "che ti aiuta" suggerisce che possa tranquillizzarlo o permetterti di riposare un po', oppure perché sei preoccupata di non avere abbastanza latte. Il modo migliore per iniziare l'allattamento è somministrargli tu stessa ogni poppata. È naturale che i bambini desiderino nutrirsi molto spesso in questa fase; infatti, il neonato potrebbe mostrare segni di appetito già 45 minuti dopo l'ultima poppata; ad ogni modo, questo contribuisce a sviluppare la tua produzione di latte.

"Le prime 48 ore sono difficili, state imparando entrambi", racconta Ruth, un figlio, dal Regno Unito. "Chiedi tutto l'aiuto possibile, mangia biscotti, rilassati e sii gentile con te stessa".

Bibliografia