Il tuo latte materno è troppo poco? Come aumentare la produzione di latte

Molte mamme temono di avere una scarsa produzione di latte, ma è difficile saperlo con certezza. Continua a leggere per scoprire se hai realmente una scarsa produzione di latte e cosa puoi fare al riguardo

Too little breast milk? How to increase low milk supply

"Ho abbastanza latte materno?" è una preoccupazione diffusa tra le neo-mamme; ma, se il tuo bambino è sano e cresce bene, è probabile che tutto proceda come dovrebbe. Tuttavia, se sei preoccupata per la tua produzione di latte materno, è importante chiedere al più presto un consiglio. Se scopri che va tutto bene, sarai presto rassicurata. Inoltre, non cadrai nell'errore di somministrare inutilmente il latte in polvere al tuo bambino, pratica che potrebbe causare una diminuzione della tua produzione di latte.

Motivi della scarsa produzione di latte

Sono poche le neo-mamme con difficoltà nel produrre abbastanza latte materno per vari motivi medici, quali:

  • un'eccessiva perdita di sangue (oltre 500 ml) durante il parto o dei frammenti residui di placenta possono ritardare la montata lattea (che solitamente avviene circa tre giorni dopo il parto).1
  • Un'anamnesi di sindrome ovarica policistica, diabete, tiroide o altri disturbi ormonali. Le mamme con tali disturbi a volte manifestano una scarsa produzione di latte.2
  • Una malattia rara chiamata ipoplasia mammaria, in cui il tessuto ghiandolare non produce abbastanza latte nel seno.3
  • Precedenti interventi chirurgici o traumi al seno (sebbene molte mamme che sono state sottoposte a intervento chirurgico continuino tranquillamente ad allattare al seno).4

Se ti ritrovi in una di queste condizioni, rivolgiti a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento al seno.

Come avviene la produzione di latte materno

Dopo la "montata lattea" il seno inizia a produrre latte materno attraverso un processo di "domanda e offerta". Ogni volta che il latte viene rimosso, sia esso con l'allattamento o con l'estrazione, il seno ne produce ancora.

Ecco perché somministrare latte in polvere con la bottiglia può ridurre la produzione di latte (il tuo corpo non riceve il messaggio di produrre più latte materno, perché non viene rimosso).

Anche il modo in cui il tuo neonato si alimenta influisce sulla tua produzione. Più frequentemente ed efficacemente si allatta al seno, più latte produci. Se il tuo bambino non assume abbastanza latte durante la poppata, è essenziale estrarlo regolarmente per salvaguardare la tua produzione di latte (per maggiori consigli vedi sotto).

Segni che indicano che il tuo bambino non assume abbastanza latte

Anche se la scarsa produzione di latte è rara, nelle prime settimane il tuo bambino può ancora avere difficoltà ad assumerne abbastanza per altre ragioni. Può non allattarsi al seno abbastanza frequentemente o per un periodo abbastanza lungo, in particolare se stai cercando di rispettare un programma di allattamento anziché alimentarlo su richiesta. Potrebbe non attaccarsi bene o avere un problema di salute che rende più difficile l'assunzione di latte.

Ecco i segnali che indicano che il tuo bambino non assume abbastanza latte:

  • Scarso aumento di peso. È normale che nei primi giorni i neonati perdano dal 5% al 7% del loro peso alla nascita (alcuni perdono fino al 10%). Tuttavia, dopo i primi giorni dovrebbero crescere di almeno 20–30 g al giorno e tornare nuovamente al loro peso alla nascita entro il 10°–14° giorno di vita.5,6,7 Se il tuo bambino ha perso il 10% e oltre del suo peso alla nascita oppure non ha iniziato a prendere peso entro il quinto o sesto giorno, consulta immediatamente un medico.
  • Pannolini bagnati o sporchi in quantità insufficiente. Il numero di pannolini che il tuo neonato sporca ogni giorno è un buon indicatore se sta ricevendo abbastanza latte o meno (vedi il nostro articolo che spiega lo schema che il neonato dovrebbe seguire) Allattamento al seno del neonato: cosa aspettarsi durante la prima settimana. Se sei preoccupata o se hai notato che i suoi pannolini sporchi diminuiscono di umidità e pesantezza, consulta un medico.
  • Disidratazione. Se il tuo bambino presenta urine di colore scuro, secchezza della bocca o ittero (ingiallimento della pelle o degli occhi) oppure se è letargico e riluttante a nutrirsi, potrebbe essere disidrato.6 Febbre, diarrea e vomito o surriscaldamento possono essere causa di disidratazione nei neonati. Se noti la presenza di uno qualsiasi di questi sintomi consulta immediatamente un medico.

Convinzioni errate sulla scarsa produzione di latte

I neonati solitamente si nutrono molto spesso (circa 10–12 volte al giorno o ogni due ore), ma questo non dimostra che non hai abbastanza latte. Non dimenticarti che il tuo bambino si alimenta anche per ricevere conforto, pertanto è difficile sapere quanto latte assume durante ogni poppata (le quantità possono variare).

Quanto segue è del tutto normale e non è indice di una scarsa produzione di latte:

  • il bambino desidera mangiare spesso
  • il bambino non vuole essere preso in braccio
  • il bambino si sveglia di notte
  • il bambino effettua brevi poppate
  • il bambino effettua lunghe poppate
  • il bambino assume una bottiglia dopo la poppata
  • il seno è più morbido di quanto non lo fosse nelle prime settimane
  • il seno non perde latte, oppure solitamente ne perdeva e ora non lo fa più
  • non riesci a estrarre molto latte
  • hai seni piccoli

Cosa fare se hai una scarsa produzione di latte

Se sospetti che il tuo bambino non riceva abbastanza latte, rivolgiti a un consulente per l'allattamento o uno specialista dell'allattamento al seno. Tali esperti valuteranno se effettivamente hai una scarsa produzione di latte e ti osserveranno mentre lo allatti per vedere se è attaccato bene e assume abbastanza latte. Potrebbero suggerire di modificare la tua posizione di allattamento o l'attaccamento del tuo bambino in modo che possa alimentarsi in modo più efficiente.

Inoltre, potresti provare ad avere un maggiore contatto pelle a pelle con il tuo bambino prima e durante l'allattamento per stimolare l'ossitocina, che fa fluire il latte, o utilizzare tecniche di rilassamento, come ad esempio ascoltare la tua musica rilassante preferita, per ridurre eventuali ansie che potrebbero influenzare la tua produzione.8

Con un supporto adeguato la maggior parte delle mamme con scarsa produzione di latte riesce ad allattare parzialmente il proprio bambino e alcune di esse riusciranno persino a sviluppare una produzione di latte completa.

Se il tuo bambino non assume ancora abbastanza latte direttamente dal seno, forse perché nato prematuro o con esigenze speciali, potresti dover estrarre il tuo latte per salvaguardare la tua produzione e il tuo consulente sanitario potrebbe prescriverti l'assunzione di galattogoghi (farmaci che accrescono la produzione di latte).

Se non riesci comunque a estrarre latte materno a sufficienza per il tuo bambino, dovrai integrarlo con latte donato o in polvere sotto la guida di un professionista sanitario. Utilizzare un sistema di allattamento integrativo (SNS) può essere un modo soddisfacente per il tuo bambino per assumere tutto il latte di cui ha bisogno al seno.

Come aumentare la produzione di latte con il tiralatte

Per incoraggiare la produzione di latte nei primi cinque giorni dopo il parto, puoi utilizzare un tiralatte elettrico doppio con tecnologia di iniziazione, come Medela Symphony. Questo tipo di tiralatte è progettato per imitare il modo in cui il bambino stimola il seno mentre si alimenta, ed è stato dimostrato che è in grado di aumentare la produzione di latte a lungo termine.9

Una volta iniziata la "montata lattea" l'estrazione doppia ti permette di estrarre più latte in meno tempo.10 Inoltre, questo metodo drena meglio il seno, favorendo così anche la produzione di latte.

Anche se ogni mamma è diversa, è spesso una buona idea estrarre il latte subito dopo o un'ora dopo la poppata. Ciò può sembrare inaspettato, perché solitamente è più facile estrarre il latte da un seno pieno. Tuttavia, dovresti considerare la tua sessione di estrazione come un sistema per "ordinare il latte" per il giorno successivo.

All'inizio potresti raccogliere soltanto piccole quantità, ma non scoraggiarti: con estrazioni regolari la tua produzione aumenterà. Cerca di rimuovere il latte (sia allattando che estraendo) da otto a dodici volte al giorno, includendo una seduta notturna quando i tuoi livelli di prolattina (ormone che stimola la produzione del latte) sono più elevati. Più frequentemente estrai il latte meglio è. Dopo due o tre giorni di estrazione regolare dovresti assistere a un aumento significativo nella produzione di latte. Per consigli su come ottenere più latte da ogni sessione di estrazione leggi il nostro articolo sui consigli per l'estrazione di latte.

Estrazione manuale per aumentare il latte estratto

Se il tuo bambino ancora non si allatta direttamente al seno o se non sei ancora in grado di estrarre latte a sufficienza, può essere utile ricorrere a una tecnica chiamata "estrazione manuale". È stato dimostrato che questo metodo accresce la quantità di latte che le mamme riescono estrarre in una sessione.11,12 L'intero processo dura circa 25–30 minuti. Ricordati, più il seno è vuoto più rapidamente produce latte.

Segui questi semplici passaggi:

  • Massaggia il seno.
  • Ricorri all'estrazione doppia usando un reggiseno per l'estrazione per avere le mani libere.
  • Durante l'estrazione utilizza le dita e il pollice per comprimere il seno per qualche secondo. Rilascia e ripeti. Comprimi entrambi i seni fino a quando il flusso non rallenta e il latte inizia a gocciolare.
  • Massaggia nuovamente il seno.
  • Termina con l'estrazione manuale o singola, utilizzando le compressioni mammarie e passando da un seno all'altro per drenarli il più possibile.

Una volta che il tuo bambino ha acquisito peso e hai incrementato la produzione di latte, puoi passare ad alimentarlo esclusivamente al seno.

Bibliografia

1 Pang WW, Hartmann PE. Initiation of human lactation: secretory differentiation and secretory activation. J Mammary Gland Biol Neoplasia. 2007;12(4):211-221.

2 Vanky E et al. Breastfeeding in polycystic ovary syndrome. Acta Obstet Gynecol Scand. 2008;87(5):531-535.

3 Neifert MR et al. Lactation failure due to insufficient glandular development of the breast. Pediatrics. 1985;76(5):823-828.

4 Neifert M et al. The influence of breast surgery, breast appearance, and pregnancy-induced breast changes on lactation sufficiency as measured by infant weight gain. Birth. 1990;17(1):31-38.

5 C Tawia S, McGuire L. Early weight loss and weight gain in healthy, full-term, exclusively-breastfed infants. Breastfeed Rev. 2014;22(1):31-42.

6 Lawrence RA, Lawrence RM. Breastfeeding: A guide for the medical profession. 7th ed. Maryland Heights MO, USA: Elsevier Mosby; 2010. 1128 p.

7 World Health Organisation. [Internet]. Child growth standards; 2018 [cited 2018 Feb]

8 Keith DR et al. The effect of music-based listening interventions on the volume, fat content, and caloric content of breast milk-produced by mothers of premature and critically ill infants. Adv Neonatal Care. 2012;12(2):112-119

9 Meier PP et al. Breast pump suction patterns that mimic the human infant during breastfeeding: greater milk output in less time spent pumping for breast pump-dependent mothers with premature infants. J Perinatol. 2012;32(2):103-10.

10 Prime DK et al. Simultaneous breast expression in breastfeeding women is more efficacious than sequential breast expression. Breastfeed Med. 2012;7(6):442-447.

11 Stanford University School of Medicine [Internet]. Stanford, CA, USA: Maximizing Milk Production with Hands-On Pumping; 2017. [Accessed 30.04.2018].

12 Morton J et al. Combining hand techniques with electric pumping increases milk production in mothers of preterm infants. J Perinatol. 2009;29(11):757-764.