Tornare al lavoro da mamma che allatta

Rientrare al lavoro dopo il congedo di maternità non significa smettere di allattare al seno. Con una buona pianificazione e una corretta comunicazione il tuo bambino può ancora beneficiare del tuo latte materno 

Returning to work as a breastfeeding mum

Trovare il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata può essere difficile quando si ha intenzione di tornare al lavoro dopo il congedo di maternità. Potresti sentirti combattuta tra il dispiacere di lasciare il tuo bambino e la necessità di guadagnare denaro o desiderare di mantenere il tuo lavoro e portare avanti la tua carriera professionale.

Se stai allattando e intendi continuare a farlo, devi anche pensare a come mantenere la tua produzione di latte e fare in modo che il bambino possa continuare a ricevere il tuo latte materno quando non sei presente. Ciò significa dover estrarre il latte materno al lavoro, conservarlo e trasportarlo in modo sicuro, in modo che chi si prende cura del tuo bambino possa somministrarglielo.

Quali sono i vantaggi di continuare ad allattare al seno quando si ritorna al lavoro?

Ritornare al lavoro può essere frustrante quando hai trascorso molte settimane o mesi accanto al tuo neonato. Continuare ad allattare al seno è un modo per mantenere vivo il vostro importante legame e facilitarvi l'adozione di una nuova routine.

L'allattamento al seno può anche essere un bel modo per ricongiungersi dopo che sei stata separata dal tuo bambino per qualche tempo, come sostiene Peggy, un figlio, dalla Svizzera: "Sono tornata al lavoro quando Penelope aveva sei mesi. In quel periodo, la allattavo appena prima di andare in ufficio e quando rientravo a casa. Questo è rimasto il nostro momento speciale insieme."

Inoltre, considera che quando ritorni al lavoro il tuo bambino potrà ancora beneficiare di tutte le proprietà salutari e protettive del latte materno. Nel tuo latte materno sono presenti numerosi componenti che combattono le infezioni e aiutano il tuo piccolo a riprendersi più velocemente quando si ammala. Alcuni studi mostrano anche che le mamme che allattano al seno si assentano meno tempo dal lavoro rispetto a quelle che non allattano, perché i loro bambini si ammalano meno frequentemente.1

Quando dovrei tornare al lavoro?

Alcune mamme non hanno scelta su quando tornare al lavoro. Potrebbe essere imposto dal datore di lavoro, dalle leggi sulla maternità del proprio paese o da esigenze finanziarie. Se hai la fortuna di disporre di una certa flessibilità, prima di decidere valuta i pro (come reddito, avanzamento di carriera, stimolazione mentale o contatto sociale) e i contro (essere lontano dal tuo bambino, i costi del nido o le complicazioni logistiche) e parla con amiche e colleghe delle loro esperienze.

Considera che l'allattamento al seno e l'estrazione durante il lavoro (nonché la cura di un neonato o di un bambino) possono essere fisicamente ed emotivamente estenuanti. Tuttavia, alcune mamme scoprono anche che l'estrazione offre una piacevole pausa durante una giornata di lavoro particolarmente intensa.

"Tornare al lavoro e concentrarmi sul mio lavoro per otto ore è stata dura, quindi ho davvero apprezzato le pause per l'estrazione", afferma Monika, tre bambini, dalla Svizzera. "Era il momento in cui potevo sedermi, chiudere gli occhi e rilassarmi".

E per quanto riguarda l'asilo nido?

Scegli un asilo nido che sia attrezzato per somministrare al tuo bambino il tuo latte estratto e/o ti sostenga durante l'allattamento al seno quando lasci e riprendi il tuo piccolo. Discuti la questione prima di iscriverti e spiega chiaramente le tue esigenze.

Chiedi come conserveranno il tuo latte materno e assicurati di fornire loro un numero sufficiente di bottiglie e di tettarelle sanificate. Parla anche di come il tuo bambino preferisce ricevere il latte – caldo o freddo, mentre è in braccio o se preferisce alimentarsi autonomamente sotto supervisione (se ha più di sei mesi) – affinché sia più propenso ad accettarlo.

Se sei abbastanza fortunata da avere familiari che possono prendersi cura del bambino, lascia loro latte in abbondanza e istruzioni dettagliate. Gimena, due figli, dall'Argentina si è accorta che sua figlia ha impiegato un po' di tempo ad abituarsi a un nuovo metodo di alimentazione: "Sono ritornata al lavoro quattro ore al giorno quando mia figlia aveva nove mesi", racconta. "Mi alzavo presto per estrarre, poi lasciavo a mio marito una bottiglia di latte estratto. All'inizio la bambina non ne voleva sapere, ma abbiamo continuato ad offrirle la bottiglia finché non ha deciso di accettarla".

Cosa devo chiedere al mio datore di lavoro?

Contatta il tuo datore di lavoro non appena decidi di tornare al lavoro, anche se mancano ancora mesi. Discuti il tuo orario di lavoro e come l'azienda può sostenere l'allattamento continuato. Potresti scegliere di riprendere a lavorare part-time o prendere in considerazione un lavoro ripartito o ancora lavorare a ore "compresse", in modo da lavorare meno giorni ma più ore.

"Avevo sei mesi di congedo di maternità e quando ho ripreso a lavorare tutto è andato bene. Adesso lavoro part-time, il 60% della settimana, la soluzione ideale per me", racconta Andrea, due figli, dalla Svizzera.

Se lavori per una grande azienda, contatta il reparto delle risorse umane per discutere la loro politica sull'allattamento al seno. Se nessuna collega ha già estratto il proprio latte in precedenza, sii pioniera di quest'innovazione e diventa la prima.

Se intendi estrarre il tuo latte al lavoro, concedi al datore di lavoro un ampio preavviso. In molti paesi i datori di lavoro sono obbligati per legge a fornire alle mamme uno spazio privato in cui poter estrarre, fare pause regolari per estrarre, nonché un luogo dove conservare il latte materno in modo sicuro. Scopri se il tuo paese prevede un orientamento occupazionale per le madri che allattano al seno ed eventualmente consultalo.

"Il mio consiglio è di stilare un programma prima di rientrare al lavoro", dice Shalena, due figli, dal Canada. "Stabilisci le tue esigenze, la frequenza, la durata e il luogo di estrazione. È importante anche spiegare che le tue esigenze cambieranno con la crescita del tuo bambino. Assicurati di conoscere i tuoi diritti e doveri e abbi fiducia mentre definisci il tuo programma".

Un'alternativa all'estrazione al lavoro è trovare un asilo nido vicino al posto di lavoro, in modo da poter fare una pausa per allattare il tuo bambino negli orari in cui è solito alimentarsi.  

Come devo prepararmi per il mio rientro al lavoro?

Se stai allattando, pratica l'estrazione e somministra al tuo bambino il latte da una bottiglia o da una tazza con qualche settimana di anticipo, per abituarvi entrambi a questo modo di alimentazione.

Inoltre, devi trovare la soluzione di estrazione migliore per te. Puoi utilizzare un tiralatte elettrico doppio, manuale oppure estrarre il tuo latte a mano. L'efficienza, il costo, la portabilità e la silenziosità del tiralatte sono fattori da tenere in considerazione al momento della scelta. 

Incoraggia la tua famiglia e i tuoi amici a somministrare con la bottiglia al tuo bambino il tuo latte materno estratto, in modo che si abitui a essere alimentato da altre persone. Il neonato potrebbe essere più disposto a prendere il tuo latte da qualcun altro se non sei nella stanza.

"Abbiamo introdotto una bottiglia di latte estratto abbastanza presto, alcuni mesi prima di tornare al lavoro; quindi, ero sicura che al mio rientro al lavoro non sarebbe stato un problema", spiega Lily, due figli, dal Regno Unito. "Abbiamo provato una varietà di bottiglie e tettarelle prima di trovarne una che mio figlio accettasse".

Dopo aver pianificato attentamente il tuo ritorno, è il momento di pensare agli aspetti logistici dell'estrazione al lavoro (consulta i nostri articoli sull'estrazione del latte al lavoro, sulla conservazione e il trasporto sicuro del latte materno e sull'estrazione fuori da casa.

Bibliografia

1 Murtagh L, Moulton AD. Working mothers, breastfeeding, and the law. Am J Public Health. 2011;101(2):217-223.