Cambiamenti del seno dalla gravidanza allo svezzamento

Dalla gravidanza, passando per l'allattamento fino a dopo lo svezzamento, i nostri esperti spiegano come cambia il seno, oltre a fornire consigli su come prendersene cura in questo periodo

Mum's breast changes during pregnancy

Non appena rimani incinta il corpo inizia a prepararsi per la nascita del tuo bambino. Tuttavia, non è soltanto il tuo utero a trasformarsi; anche la struttura del tuo seno inizia a cambiare radicalmente. Continua a leggere per scoprire cosa aspettarti durante il tuo percorso di gravidanza, allattamento e svezzamento del tuo bambino.

Cambiamenti del seno nel primo trimestre

Molte donne manifestano cambiamenti del seno nelle fasi iniziali della gravidanza; in realtà, spesso è il primo sintomo di gravidanza. L'aumento ormonale e il cambiamento della struttura del seno fanno sì che i capezzoli e il seno siano sensibili e morbidi già a partire dalle prime tre o quattro settimane. Alcune future mamme manifestano dolore al seno durante la gravidanza fino al parto, sebbene nella maggior parte dei casi si attenui dopo il primo trimestre.

"Durante le prime settimane il seno può crescere rapidamente oppure può aumentare gradualmente", spiega la Dott.ssa Jacqueline Kent, prestigiosa ricercatrice nel campo della lattazione presso la University of Western Australia. "Ogni donna è diversa. Il tuo seno potrebbe non aumentare molto fino a poco prima o persino dopo il parto. Tuttavia, se ti stai chiedendo quanto il seno può crescere complessivamente durante la gravidanza, al momento della montata lattea è probabile sia di quasi una misura e mezzo più grande rispetto a quella che avevi prima di rimanere incinta!"1

Quando il reggiseno che utilizzi abitualmente inizia a starti stretto (solitamente attorno alla 12a settimana) è il momento di acquistare un reggiseno per l'allattamento. La maggior parte delle donne ritiene che un reggiseno senza cuciture con spalline larghe in tessuto morbido e traspirante sia il più confortevole. È consigliabile evitare reggiseni dotati di ferretti, perché potrebbero comprimere i dotti lattiferi in fase di sviluppo.

Prendi le misure correttamente per garantire una buona vestibilità. Inoltre, riprendi le misure ogni due mesi per tutta la durata della gravidanza, dato che la taglia aumenterà man mano che il bambino e il seno crescono.

Cambiamenti del seno nel secondo trimestre

A partire dalla 15ª settimana di gravidanza le nuove cellule che producono latte nel seno si attivano ed entro la 22ª settimana iniziano a svolgere il loro compito.1 Tuttavia, non preoccuparti: la maggior parte di questo latte sarà riassorbito dal tuo corpo, mentre gli ormoni della gravidanza ne impediranno l'accumulo e la fuoriuscita.

"Nel secondo trimestre potresti notare che i capezzoli e le areole (le zone circolari circostanti) diventano più grandi e più scuri," afferma la Dott.ssa Danielle Prime, ricercatrice associata per l'allattamento al seno di Medela. "Inoltre, i piccoli bozzoli o rigonfiamenti presenti sull'areola diventano più evidenti. Questi piccoli ingrossamenti, chiamati "tubercoli di Montgomery", producono un olio idratante che aiuta a proteggerti dal dolore e dall'infezione quando inizi ad allattare al seno. In realtà, gli scienziati ritengono che l'odore di quest'olio sia simile a quello del liquido amniotico e che possa guidare il neonato verso i capezzoli dopo la nascita".2

Non rimuovere questi oli naturali dai capezzoli usando sapone irritante o strofinandoli con l'asciugamano. È sufficiente utilizzare acqua calda e asciugarli tamponando. E se qualcuno ti suggerisce di "rafforzare" i capezzoli pizzicandoli o strofinandoli, ignoralo!

Se hai i capezzoli piatti o introflessi e sei oltre la 32ª settimana di una gravidanza sana, puoi indossare dei modellatori del capezzolo all'interno del reggiseno. Questi accessori possono aiutarti a tirare fuori delicatamente i capezzoli, agevolando il tuo neonato nell'attaccamento. Rivolgiti a un professionista sanitario o leggi il nostro articolo sui capezzoli introflessi o piatti per ulteriori consigli.

Se durante la gravidanza manifesti un improvviso aumento delle dimensioni del seno, potresti provare prurito e sviluppare alcune smagliature. Applicare una crema idratante leggera può aiutarti a lenire il prurito. Tuttavia, le smagliature sono normalmente dovute a una questione di genetica e al tipo di pelle; se sei predisposta ad averle, non c'è molto che tu possa fare per prevenirle; tuttavia, la buona notizia è che si sbiadiranno e diventeranno molto meno evidenti nel tempo.

Cambiamenti del seno nel terzo trimestre

Nel corso dell'ultimo trimestre potresti nuovamente iniziare a percepire il tuo seno come pesante o dolorante. Indossare un reggiseno per la notte a letto potrebbe farti sentire più comoda; inoltre, quando fai esercizio fisico, è una buona idea indossare un reggiseno sportivo di sostegno per evitare dolori al seno e danni ai legamenti.

Ricordati di acquistare un paio di reggiseni per l'allattamento il mese prima della nascita prevista del tuo bambino. Se possibile, comprali in un negozio in cui è presente un esperto di reggiseni per l'allattamento oppure consulta una guida online per le misure. Ogni donna è diversa; tuttavia, è probabile che il tuo seno sia più grande di una o due misure rispetto a prima della gravidanza. Inoltre, è probabile che aumentino anche le dimensioni della tua circonferenza, dato che la cassa toracica si allarga per fare spazio al bambino. L'esperto dovrebbe consigliarti una misura adatta ad accogliere il latte anche dopo la nascita del tuo bambino. Scegliere un reggiseno dotato di ganci che puoi slacciare con una mano sola può facilitare il posizionamento del tuo bambino.

Sorprendentemente, il tuo latte è pronto nel seno prima della nascita del tuo bambino. Ciò significa che i capezzoli potrebbero iniziare a perdere un po' di colostro (primo latte materno), un liquido piuttosto denso e appiccicoso. La perdita di colostro può avvenire già a partire dalla 14ª settimana, ma è più comune verso la fine della gravidanza. Potresti indossare delle coppette assorbilatte all'interno del reggiseno per evitare che le macchie di latte siano visibili attraverso il reggiseno.

"Se soffri di diabete preesistente o gestazionale, il tuo consulente sanitario potrebbe consigliarti di estrarre manualmente un po' di colostro e congelarlo. Un recente studio ha dimostrato che è sicuro farlo dopo la 36ª settimana di una gravidanza sana," consiglia la Dott.ssa Prime.3 "Tenere una riserva di colostro a portata di mano può essere utile, perché i bambini le cui madri soffrono di diabete presentano un rischio più elevato di manifestare bassi livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia) e la cosa migliore che si può fare per aiutarli ad accrescere questi livelli è somministrargli frequentemente il colostro. Tuttavia, non aspettarti di estrarne grandi quantità; probabilmente riuscirai a ottenere soltanto poche gocce alla volta ed è sufficiente".

Cosa succede al tuo seno dopo la nascita

Circa due-quattro giorni dopo la nascita del tuo bambino (a volte oltre, se hai avuto un parto cesareo o traumatico), sentirai il seno diventare più pieno e sodo a causa della montata lattea.4

"Questa pienezza non è causata soltanto dalla maggior quantità di latte che stai iniziando a produrre, ma anche dall'aumento della quantità di sangue che circola nel tuo seno e dalla secrezione di una maggior quantità di liquido linfatico", spiega la Dott.ssa Prime. "Tutto questo avviene in risposta alla riduzione dei livelli degli ormoni della gravidanza presenti nel tuo corpo (che scendono gradualmente da quando partorisci), che consente agli ormoni responsabili della produzione di latte di mettersi al lavoro".

In questo periodo il seno potrebbe procurarti fastidio o persino dolore, una condizione denominata ingorgo mammario. È molto comune e di solito svanisce dopo pochi giorni, durante i quali sarebbe opportuno continuare ad allattare. Dai un'occhiata ai nostri suggerimenti su come affrontare il disagio e il gonfiore e, se il problema persiste, rivolgiti a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento al seno.

Cosa succede al seno durante la lattazione

Durante i primi tre mesi circa di allattamento probabilmente prima della poppata sentirai il tuo seno ancora molto pieno. Tuttavia, man mano che il bambino cresce, non avrai più questa sensazione. Ciò non significa che stai producendo meno latte; se allatti esclusivamente al seno e su richiesta, e il tuo bambino cresce bene, dovresti ancora produrne in quantità.

"Dopo sei mesi di allattamento il seno dovrebbe iniziare a diventare più piccolo", spiega la Dott.ssa Kent. "Questa non significa che stai producendo meno latte, ma semplicemente che stai perdendo parte del tessuto adiposo del seno. Quando il tuo bambino ha 15 mesi è probabile che il tuo seno abbia lo stesso volume che aveva prima del concepimento, ma non minore. Questo vale sia che tu stia ancora allattando o meno; potresti ancora produrre da 100 a 300 ml di latte al giorno".

Ciò sembra essere dovuto al fatto che il seno funziona in modo più efficiente dopo sei mesi, aspetto che lo studio della Dott.ssa Kent ha scoperto essere attribuito a una ridistribuzione del tessuto mammario.5

Come cambia il seno dopo lo svezzamento

Quando infine smetti di allattare il tuo bambino al seno (che sia dopo tre settimane, tre mesi o tre anni) i cambiamenti del seno dovuti alla lattazione si invertono. "Quando concludi definitivamente lo svezzamento, la misura del tuo seno dovrebbe tornare a essere simile a quella che avevi prima del concepimento entro tre mesi, se non l'ha già fatto", spiega la Dott.ssa Kent. Tuttavia, se rimani di nuovo incinta l'intero processo ricomincia da capo.