Allattamento al seno un mese: cosa aspettarsi

Sai quando si stabilizza la produzione di latte? O come cambiano la frequenza e la durata dell'allattamento al seno quando il bambino cresce e diventa più vivace? Scoprilo nella nostra guida sull'allattamento al seno dopo un mese

Breastfeeding support after one month

Congratulazioni, sei riuscita a superare il primo mese di allattamento al seno. Il tuo latte materno è ora completamente maturo,1 la sua produzione sta iniziando a rallentare e non noti (quasi) più perdite dai seni. Non preoccuparti, non stai smettendo di produrre latte; il seno è semplicemente diventato più efficace nel produrlo e conservarlo.2 A sei settimane inizierai a vedere le gengive del bambino mentre sorride e, una volta compiuti due mesi, potrai dire di aver allattato dalle 500 alle 600 volte. Se tutto sarà andato per il verso giusto avrai detto addio ai problemi di attacco al seno e potrai concentrarti sul mantenimento dell'allattamento e goderti questa nuova comodità e i continui benefici per la salute tua e del tuo bambino.

Quando diminuisce la frequenza dell'allattamento al seno?

La gamma di "normalità" nell'allattamento al seno dei bambini da uno a sei mesi può variare molto: alcuni bambini si nutrono soltanto quattro volte ogni 24 ore, mentre altri 13 volte.3

"A circa un mese di vita il bambino inizierà a ingerire quantità maggiori di latte durante le poppate e potrebbe iniziare a fare intervalli più lunghi tra una poppata e l'altra", spiega Cathy, consulente per l'allattamento riconosciuta a livello internazionale. "Il suo stomaco sta crescendo in modo da poter accogliere poppate più voluminose e il latte maturo lo mantiene più sazio per periodi prolungati".

Le poppate possono durare dai 12 minuti a un'ora circa; i bambini possono essere veramente molto diversi tra loro!3 Se il tuo bambino sta prendendo peso e se il suo ritmo di alimentazione rientra in questo intervallo non hai nulla di cui preoccuparti.

Sorprendentemente, però, indipendentemente da quanto spesso si nutre il tuo bambino consumerà quotidianamente all'incirca la stessa quantità di latte a un mese e a sei mesi di vita, quando inizierai a introdurre cibi solidi.4

"Detto questo, i giorni in cui vorrà nutrirsi un po' di più o un po' meno sono inevitabili, soprattutto se non si sente bene; dovrai semplicemente accettare la situazione", afferma Cathy.

Il mio bambino necessita davvero esclusivamente di latte materno per i primi sei mesi?

Sì. Il latte materno fornisce al tuo bambino tutto ciò di cui ha bisogno per i primi sei mesi di vita. Se allattato esclusivamente al seno non ha nemmeno bisogno di bere acqua!5 Il suo sistema digestivo non è in grado di assimilare cibi solidi prima del sesto mese e non potrà consumare latte di mucca fino a un anno.

Allattarlo al seno per tutta la durata di questa fase prepara il tuo bambino anche a future ed emozionanti tappe. L'allattamento al seno fa sì che i muscoli della bocca si esercitino, che la mandibola si sviluppi e che i denti si allineino,6,7 tutti passaggi importanti affinché in futuro possa mangiare e parlare. Il gusto del tuo latte può cambiare in base a quello che mangi, per cui il bambino prova nuovi sapori prima ancora di passare ai cibi solidi.8

Non solo: se si ammala il tuo corpo produce anticorpi che il bambino assume attraverso il latte materno e che lo aiutano a sconfiggere l'infezione.9 Il tuo latte, dunque, continua a proteggerlo durante la crescita e mentre diventa sempre più attivo nei mesi a venire.

Una volta acquisita sicurezza, continuare ad allattare al seno si dimostra anche incredibilmente comodo, come ha scoperto Claudia, due figli, dal Regno Unito: "Non dover sterilizzare un mucchio di bottiglie, preparare il latte in polvere, portarselo in giro e poi riscaldarlo ha reso l'allattamento al seno la scelta più facile, soprattutto quando i miei figli erano diventati un po' più grandi e li portavo fuori più spesso".

Quando dormirà tutta la notte il mio bambino allattato al seno?

È normale per tutti i bambini svegliarsi durante la notte. La maggior parte dei bambini da uno a sei mesi consuma un quinto dell'assunzione di latte quotidiana durante la notte, per cui queste poppate sono importanti per assicurargli un apporto calorico sufficiente.3

"Dipende da cosa intendi per dormire tutta la notte", commenta Cathy. "Alcuni considerano delle buone nottate quelle in cui il bambino si addormenta a mezzanotte e si sveglia alle cinque ed è sicuramente meglio di essere svegliati ogni due ore! Ho conosciuto bambini allattati al seno che, a sei settimane, si addormentavano alle 19 e si risvegliavano alle sette del giorno dopo, ma moltissimi altri continuano a svegliarsi di frequente. Ogni bambino è un caso a sé stante".

Uno studio condotto in Galles su 700 bambini ha mostrato che quasi l'80% di essi, tra i sei e i 12 mesi, si svegliava almeno una volta durante la notte, mentre il 25% dei bambini si svegliava tre o più volte. Non è stata rilevata alcuna differenza tra bambini allattati al seno e bambini allattati con latte in polvere.10

Visto che ti devi comunque svegliare, l'allattamento al seno è perlomeno comodo! Minette, due figli, dall'Australia è d'accordo: "Durante la notte devi a malapena svegliarti; imposta il pilota automatico e lascia che il tuo corpo e il tuo bambino facciano da soli. Nessun bisogno di pianificare, misurare o sterilizzare. È già tutto pronto e alla giusta temperatura nel tuo seno. È perfetto per me".

Il mio bambino ha iniziato a svegliarsi più spesso. Ha fame?

Intorno ai quattro mesi i ritmi di sonno del bambino potrebbero cambiare, perché inizierà ad avere periodi di sonno leggero e periodi di sonno profondo, proprio come un adulto. Di conseguenza, potrebbe iniziare a svegliarsi più spesso durante la notte. "In questo momento, al quarto mese, il problema potrebbe diventare quello del sonno e non più quello dell'alimentazione", afferma Cathy. "Potrebbe sfinirti, ma cerca di lasciarti trasportare dalla situazione e di attraversarla fino in fondo".

Alcuni la chiamano la "regressione del sonno dei quattro mesi", ma progressione è un termine più appropriato. Nonostante possa sembrare un passo indietro, il tuo bambino sta in realtà andando incontro a una fase importante del suo sviluppo: impara rapidamente, prende coscienza del mondo, acquista una maggiore percezione della profondità e, forse, inizia anche a provare ansia da separazione. Chiamarti piangendo quando si sveglia, nutrirsi dal tuo seno e stare vicino a te sono i modi che ha per essere rassicurato.11–13

Non tentare di integrare la sua alimentazione con latte in polvere o di introdurre cibi solidi sperando che dorma più a lungo. Il tuo latte contiene degli ormoni che inducono la sonnolenza e che aiutano entrambi a rilassarvi. Gli studi hanno dimostrato che le madri che allattano al seno dormono di più durante la notte rispetto a quelle che ricorrono al latte in polvere o a un'alimentazione mista.14

In che modo influirà la dentizione sull'allattamento al seno?

La dentizione solitamente inizia attorno al quarto mese. Il bambino potrebbe diventare irritabile e staccarsi dal seno piangendo se prova dolore alle gengive, il che a volte è frustrante.

L'allattamento al seno potrebbe, però, avere un effetto calmante. Uno studio ha dimostrato che i bambini che vengono allattati al seno piangono meno quando vaccinati e si riprendono più velocemente dal dolore15 e questo effetto calmante potrebbe funzionare anche durante la dentizione.

Un effetto collaterale indesiderato potrebbe essere l'utilizzo del tuo seno, da parte del bambino, per provare i suoi nuovi denti. "A volte i bambini si divertono a mordere la mamma. Te ne puoi accorgere notando un leggero cambiamento del bambino durante la poppata, perché sposterà la lingua prima di mordere", spiega Cathy. "Solitamente non è un grosso problema e succede soltanto per un paio di poppate. Sospendi la poppata, digli dolcemente che non deve mordere e presto capirà".

Come posso continuare ad allattare al seno se sono lontana dal mio bambino?

Nei primi sei mesi, mentre stai ancora allattando esclusivamente al seno, potresti dover lasciare il bambino per un paio d'ore o anche di più se hai ricominciato a lavorare o se devi assentarti per uno o due giorni.

Non sentirti obbligata a smettere di allattare al seno. Puoi ancora continuare a regalare al tuo bambino i benefici del latte materno estraendolo, in modo che gli venga somministrato in tua assenza, come spiega Cathy:

"Estrai il latte per un paio di giorni in piccole quantità (dai 40 ai 60 ml per volta), così da creare una banca utile a chi si prenderà cura del tuo bambino. Estraendolo in piccole quantità, la tua produzione di latte non subirà alcun effetto.

"Se stai per ricominciare a lavorare, parla con il tuo datore di lavoro, in modo da mettere in atto un programma. Molte mamme allattano il bambino al seno durante la notte e riescono a occuparsi della prima e dell'ultima poppata della giornata. Dopodiché estraggono il latte all'ora di pranzo, per alleviare eventuali disagi e avere latte per il giorno successivo.

"Spesso è molto più semplice di quel che si pensi e oggigiorno molti posti di lavoro sono attrezzati per facilitare le mamme", aggiunge. "I tiralatte sono efficienti e ti aiuteranno a gestire con semplicità questo gioco di destrezza".

Natalie, un figlio, dagli Stati Uniti, descrive la sua routine: "Allatto Dylan appena si sveglia e a volte una seconda volta prima di andare al lavoro, in modo da stimolare la mia produzione e mantenere il contatto con lui. Al lavoro estraggo il latte due volte per il giorno successivo (consuma due bottiglie di latte materno mentre sono via) e poi mi affretto a rientrare a casa per la sua poppata serale. Durante i fine settimana non estraggo il latte ma allatto esclusivamente al seno".

Posso continuare ad allattare al seno dopo aver introdotto i cibi solidi?

Se intorno ai sei mesi il bambino mostra di avere interesse verso il cibo e riesce a sedersi dritto senza aver bisogno di supporto significa che è pronto a provare i cibi solidi. Tuttavia ciò non significa che tu debba smettere di allattare al seno, come illustra Cathy: "Entro i sei mesi il bambino avrà terminato le riserve di ferro accumulate durante la gravidanza e avrà bisogno di riceverne altre", afferma.

"Inizia a introdurre il cibo all'incirca in questo periodo, ma ricorda che l'allattamento al seno rimarrà la sua fonte principale di calorie e sostanze nutritive fino agli otto-nove mesi. Raggiunta questa fase il bambino starà assumendo molto più cibo, ma potresti ancora allattare quattro o cinque volte al giorno, in base alle sue esigenze. Raggiunti i 12 mesi potresti allattare al seno dalle due alle sei volte al giorno. Ogni bambino è diverso dall'altro e il tuo potrebbe ancora ricevere metà del suo apporto calorico dal latte materno".

Non dimenticare che puoi anche aggiungere latte materno ai suoi primi pasti solidi, come i cereali o le puree, cosicché possa continuare ad assaporare un gusto familiare. Se riesci, usa latte appena estratto e non scongelato e aggiungilo appena prima di farglielo consumare, in modo che i componenti e le sostanze nutritive non vadano persi.16

Potresti sentire l'obbligo sociale di smettere di allattare al seno a sei mesi, ma più allatti al seno o più estrai il latte e maggiori benefici offri al tuo bambino e a te stessa.

Per quanto tempo posso continuare ad allattare al seno?

"L'Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di far assumere ai bambini latte materno, oltre che cibi solidi, fino all'età di due anni e oltre, perché il latte svolge ancora un ruolo vitale per il loro sistema immunitario", sostiene Cathy. "È anche un modo importante per offrire loro supporto emotivo quando si sentono poco bene o sopraffatti".

A otto mesi potresti allattare il bambino quattro volte al giorno, mentre quando ha un anno potresti allattarlo solamente due volte. Puoi cercare di trovare un ritmo che funzioni per entrambi e che sia adatto al tuo stile di vita, come ha fatto Jane, due figli, dagli Stati Uniti. Ha allattato i suoi figli al seno fino all'età di due anni circa: "Li allattavo quando ero a casa di sera o nei fine settimana, quando desideravano sentirmi vicina", racconta. "Risultava molto utile quando erano malati ed era il metodo migliore per confortarli".

"Crescendo e diventando più avventuroso mio figlio veniva spesso da me per farsi allattare, come per trovare nuova motivazione e ricaricarsi", ricorda Amy, due figli, dal Canada. "Se si faceva male, farsi allattare al seno gli era di grande conforto".

Se allatti il bambino al seno fino alla prima infanzia, gli altri potrebbero dirti che rischi che non voglia mai più smettere; ma, se viene offerta loro la libertà di scegliere, i bambini spesso si svezzano autonomamente tra i due e i quattro anni.17

"Non avrei mai pensato di allattare così a lungo, ma sto ancora allattando al seno il mio bimbo di quattro anni e 22 mesi", ammette Susannah, due figli, dal Regno Unito. "Allatto al seno il più piccolo prima e dopo il lavoro, ed estraggo il latte se devo assentarmi per lavoro. La più grande riceve una poppata di conforto prima di andare a letto e quando è di cattivo umore; è un modo magnifico per ristabilire un contatto. Quando sono esausta o sento di avere bisogno dei miei spazi, mi concentro sui fantastici benefici che l'allattamento regala alla loro salute e sul conforto che gli sto offrendo. Ho in programma di seguire lo svezzamento guidato dal bambino e di lasciare che smettano quando saranno pronti".

Scopri di più su cosa aspettarti e trova altro supporto e consigli in Sfide dell'allattamento al seno dopo il primo mese

Bibliografia

1 Ballard O, Morrow AL. Human milk composition: nutrients and bioactive factors. Pediatr Clin North Am. 2013;60(1):49-74.

2 Kent JC et al. Principles for maintaining or increasing breast milk production. J Obstet, Gynecol, & Neonatal Nurs. 2012;41(1):114-21.

3 Kent JC et al. Volume and frequency of breastfeedings and fat content of breast milk throughout the day. Pediatrics. 2006;117(3):e387-395.

4 Kent JC et al. Longitudinal changes in breastfeeding patterns from 1 to 6 months of lactation. Breast Med. 2013;8(4):401-407.

5 Almroth S, Bidinger PD. No need for water supplementation for exclusively breast-fed infants under hot and arid conditions. Trans R Soc Trop Med Hyg. 1990;84(4):602-604.

6 Victora CG et al. Breastfeeding in the 21st century: epidemiology, mechanisms, and lifelong effect. Lancet. 2016;387(10017):475-490.

7 Peres KG et al. Effect of breastfeeding on malocclusions: a systematic review and meta‐analysis. Acta Paediatr. 2015;104(S467):54-61.

8 Mennella JA, Beauchamp GK. Maternal diet alters the sensory qualities of human milk and the nursling's behavior. Pediatrics. 1991;88(4):737-744.

9 Hassiotou F et al. Maternal and infant infections stimulate a rapid leukocyte response in breastmilk. Clin Transl immunology. 2013;2(4).

10 Brown A, Harries V. Infant sleep and night feeding patterns during later infancy: Association with breastfeeding frequency, daytime complementary food intake, and infant weight. Breast Med. 2015;10(5):246-252.

11 Infant sleep information source. [Internet]. Normal Infant Sleep Development; December 2017 [cited 2018 Feb]

12 Baby sleep science. [Internet]. The-Four-Month-Sleep-Regression-What-is-it-and-What-can-be-Done-About-it. March 2014 [cited 2018 Feb] 

13 The Myth Of Baby Sleep Regressions – What’s Really Happening To Your Baby’s Sleep? [Internet]. Pinky Mckay; December 2017 [cited 2018 Feb]

14 Kendall-Tackett K et al. The effect of feeding method on sleep duration, maternal well-being, and postpartum depression. Clinical Lactation. 2011;2(2):22-26.

15) Harrison D et al. Breastfeeding for procedural pain in infants beyond the neonatal period. Cochrane Database Syst Rev. 2014;10.

16 Czank C et al. Retention of the immunological proteins of pasteurized human milk in relation to pasteurizer design and practice. Pediatr Res. 2009;66(4):374.

17 Weaning from the breast. (2004). Paediatr Child Health, 9(4):249–253.