Allattamento al seno durante la prima settimana: cosa aspettarsi

La prima settimana con il tuo bambino è emozionante, ma potrebbe anche farti scoraggiare, soprattutto se non hai mai allattato al seno. Leggi i nostri consigli sull'allattamento al seno che ti aiuteranno a partire con il piede giusto

Breastfeeding support in the first week

La vita dopo la nascita del tuo bambino ti può disorientare; stai imparando a conoscere il tuo bambino e ti stai riprendendo dal parto. Provi molte emozioni, soprattutto tra il secondo e il quinto giorno, quando molte donne hanno una seconda montata lattea e 1 soffrono del "baby blues".2 Inoltre, probabilmente senti di doverti rimettere rapidamente in forma e, in genere, di essere una super mamma. Ma l'unica azione super che puoi intraprendere in questa prima settimana è stare vicina al tuo bambino e iniziare il tuo percorso di allattamento.

Quando dovrei iniziare ad allattare al seno il mio neonato?

La soluzione migliore è provare ad allattare il bambino nella prima ora dalla nascita. Attaccandosi e succhiando ritmicamente, il tuo bambino stimola le cellule presenti nei tuoi seni per avviare la produzione di latte.1 Non per niente viene chiamata "l'ora magica"!

"Idealmente il bambino ti verrà appoggiato sul petto appena nato, in modo tale che possa avere accesso al seno. Potrebbe attaccarvisi oppure no, ma è importante dargli l'opportunità di farlo", afferma Cathy Garbin, consulente per l'allattamento riconosciuta a livello internazionale.

"Sorreggi il suo corpo e lascia che provi da solo a raggiungere il seno e ad attaccarsi; in rete puoi trovare dei video su questo processo chiamato "breast crawl". Tuttavia, se il bambino non dovesse attaccarsi, solitamente i professionisti sanitari sono molto bravi nell'aiutare le mamme a posizionare il neonato. L'attacco al seno gestito dal bambino, con la mamma in posizione semi-reclinata, è un buon inizio".

Durante questa prima ora speciale o almeno fino a dopo la prima poppata dimenticati di dover pesare o vestire il tuo bambino. Goditi queste tenere coccole e il vostro contatto pelle a pelle. In questo modo l'ossitocina, il cosiddetto "ormone dell'amore", inizia a scorrere in entrambi, un fattore essenziale per il rilascio del tuo primo latte, il colostro.3

"Non appena le ostetriche ebbero la certezza che mio figlio stava bene lasciarono me, mio marito e il nostro piccolo da soli, in modo che potessimo iniziare a conoscerci. Fu un momento ricco di emozioni, commovente e pieno di gioia e allattai due volte durante quella speciale ora insieme", ricorda Ellie, due figli, dal Regno Unito.

Sapevi che mentre si nutre dal seno, il tuo bambino ti aiuta anche a riprenderti dal parto? Ciò è possibile grazie all'ossitocina, che favorisce la contrazione dell'utero. Durante le prime ore dopo il parto questo ormone aiuta a espellere la placenta in modo naturale e riduce le perdite di sangue.4

Cosa succede se il parto non va secondo i piani?

Nel caso di un parto cesareo o di complicazioni ti sarà comunque possibile passare del tempo pelle a pelle con il tuo bambino e allattarlo al seno nelle prime ore.

"Se non ti è possibile tenere in braccio il bambino, l'alternativa migliore è quella di farlo rimanere pelle a pelle con il tuo partner. In questo modo il tuo bambino continuerà a sentirsi al sicuro, al caldo e amato finché non sarai pronta", afferma Cathy.

Se il tuo bambino non riesce a nutrirsi dal seno è utile iniziare a estrarre il latte presto e frequentemente, finché non sarà in grado di farlo. "Nonostante l'allattamento al seno diretto non appena possibile sia un buon inizio per mamma e bambino, non è essenziale", rassicura Cathy. "Ciò che importa è avviare la produzione di latte in modo da poter allattare al seno successivamente, se necessario".

Per avviare la produzione di latte puoi estrarre il latte manualmente o usare un tiralatte fornito dall'ospedale.5 Il prezioso colostro che otterrai può essere successivamente somministrato al tuo bambino. Questo è importante soprattutto se il bambino è prematuro o non in salute, perché il tuo latte offre moltissimi benefici per la sua salute.

Non pensare che non potrai mai allattare al seno se il tuo bambino nasce prima del previsto o se presenta complicazioni mediche che non gli permettono di nutrirsi al seno fin da subito. "Ho lavorato con moltissime mamme il cui bambino non si è nutrito affatto dal seno per le prime sei settimane, a causa di una nascita prematura o di altre difficoltà, ma che sono poi riuscite ad allattare al seno con successo", afferma Cathy.

Il mio bambino si attacca al seno in modo corretto?

Un attacco ottimale è fondamentale per iniziare al meglio il percorso di allattamento al seno,6 in quanto l'attacco del tuo bambino influisce sul modo in cui beve il latte e, di conseguenza, sulla sua crescita e il suo sviluppo. Un attacco non adeguato al seno può provocare dolore o lesioni ai capezzoli; quindi, non esitare a chiedere a un consulente sanitario di controllarlo, soprattutto se sei ancora in ospedale e anche se ti è stato detto che va bene e non noti alcun problema evidente.

"Ogni volta che allattavo in ospedale chiamavo un'ostetrica affinché controllasse l'attacco", confessa Emma, due figli, dall'Australia. "A volte pensavo che l'attacco fosse corretto, ma visto che provavo dolore l'ostetrica mi aiutava a staccare il bambino e a riposizionarlo correttamente. In questo modo ho acquisito la fiducia per farlo da sola una volta a casa".

Mentre il bambino è attaccato al seno, direziona il capezzolo verso il suo palato. In questo modo si attaccherà sia al capezzolo sia a parte dell'areola sottostante, tenendo in bocca il capezzolo e parte del tessuto mammario e nutrendosi correttamente.6

"L'attacco dovrebbe risultare alquanto confortevole e dovresti sentire che il bambino tira il capezzolo verso di sé, ma non provare dolore", spiega Cathy. "La bocca del bambino sarà ben aperta, il suo labbro inferiore potrebbe essere piegato all'infuori, ma quello superiore sarà appoggiato sul tuo seno. Il suo linguaggio corporeo ti farà capire che è a suo agio. Durante questa fase iniziale non produrrai molto latte e, di conseguenza, non vedrai il tuo bambino deglutire molto, ma succhierà molto e lo allatterai spesso".

Quanto spesso dovrebbe nutrirsi un neonato?

La frequenza e la durata dell'allattamento possono variare molto durante la prima settimana. "Le prime 24 ore differiscono notevolmente da neonato a neonato. Alcuni dormono molto (nascere è faticoso!), mentre altri si nutrono spesso", dichiara Cathy. "Questa irregolarità è uno degli aspetti più disorientanti per le neomamme. Ognuno vi darà consigli diversi, per cui è importante ricordare che ciascuna madre e il suo bambino sono unici.

"Il colostro è più denso del latte materno maturo e viene prodotto in quantità minori, ma offre innumerevoli benefici. Bere il tuo colostro aiuta il tuo bambino a imparare a succhiare, deglutire e respirare prima che il latte inizi a fluire in quantità maggiori", spiega Cathy.

Al momento della montata lattea, tra il secondo e il quarto giorno, il tuo bambino si starà probabilmente nutrendo dalle otto alle 12 volte ogni 24 ore (talvolta di più!), compresa la notte.7 Queste poppate iniziali durano dai 10 ai 15 minuti o dai 45 ai 60, perché il bambino sta ancora sviluppando i muscoli e la coordinazione necessari a succhiare in modo efficace.

"Si tratta di una fase molto intensa, spesso più di quanto si possa immaginare, e che sorprende molte neomamme", afferma Cathy. "Riescono a malapena ad andare in bagno, a farsi una doccia o a mangiare un boccone. È normale esserne sorprese".

Camilla, un figlio, dall'Australia, l'ha vissuto in prima persona: "In quella prima settimana Frankie si nutriva ogni due ore, giorno e notte, per mezz'ora-un'ora ogni volta", racconta. "Io e il mio compagno eravamo perennemente esausti"!

Ho bisogno di un piano di nutrizione per il neonato?

La buona notizia è che queste poppate frequenti aiutano ad avviare e a formare la tua produzione di latte.7 Più il tuo bambino si nutre e più latte produci. Non preoccuparti, quindi, di avere un piano di nutrizione per il neonato, perché ciò potrebbe soltanto ridurre le sue opportunità di nutrirsi. Pensa solo ad allattare il bambino quando ti mostra i primi segnali di fame, 8 come quando:

  • si agita durante il sonno
  • apre gli occhi
  • gira la testa quando sente qualcosa sulla guancia
  • tira fuori la lingua
  • emette dei suoni
  • si succhia le labbra
  • prova a mordersi la mano
  • singhiozza
  • inizia a lamentarsi
  • piange

Il pianto è un segnale avanzato di fame; perciò, nel dubbio, offri sempre il seno al bambino. Potrebbe risultare più difficile allattarlo al seno mentre piange, soprattutto durante questa fase iniziale in cui entrambi state ancora imparando. Crescendo, probabilmente si alimenterà più velocemente e meno frequentemente, rendendo l'allattamento più gestibile.

Allattare al seno fa male?

Forse hai sentito dire che allattare al seno non dovrebbe fare male ma, in realtà, molte mamme nei primi giorni non si sentono a loro agio. Non è una sorpresa, se pensi che i tuoi capezzoli non sono abituati alla suzione decisa e frequente del tuo bambino.

"I primi due giorni, mentre il tuo corpo e il tuo bambino si abituano all'allattamento al seno, possono essere fastidiosi. Se il bambino rimane attaccato al seno troppo a lungo e l'attacco non è adeguato, è come indossare un paio di scarpe nuove e rigide", spiega Cathy. "Così come i piedi possono danneggiarsi, lo stesso può accadere anche ai tuoi capezzoli. Prevenire è meglio che curare; quindi, se il dolore persiste anche dopo i primi giorni, parla con un consulente per l'allattamento o uno specialista dell'allattamento al seno".

Mariah, un figlio, dal Canada, è d'accordo: "Nonostante sembrava che mio figlio si attaccasse correttamente, stava danneggiando i capezzoli e io sentivo dolore. Scoprii che la causa era l'anchiloglossia ed entrambi ricevemmo molto sostegno dalla clinica per l'allattamento della nostra città per la diagnosi e la cura".

Nei primi giorni, dopo le poppate, potresti anche avvertire crampi simili a quelli mestruali, chiamati morsi uterini, soprattutto se hai già avuto altri figli. Ciò avviene perché l'ossitocina rilasciata durante l'allattamento al seno aiuta l'utero a contrarsi ulteriormente e a riprendere le sue dimensioni normali.4

Durante la montata lattea è normale sentire i seni pieni, rigidi e vederli più grandi. Alcune donne presentano una condizione chiamata ingorgo, in cui il seno è gonfio, duro e sensibile.10 Allattare frequentemente dovrebbe alleviare la pressione. Leggi Cos'è l'ingorgo mammario? per ulteriori consigli sulla cura personale.

Quanto spesso il mio neonato farà la pipì e la popò?

Quello che entra, deve anche uscire! Il colostro agisce come un lassativo incoraggiando il tuo bambino a fare la sua prima popò, chiamata meconio. Questa prima evacuazione potrebbe essere un po' allarmante, perché nera e appiccicosa come il catrame.11 Non ti preoccupare, però, non è quello che troverai per sempre nei suoi pannolini; anzi, la popò dei neonati allattati al seno tende ad avere un odore poco fastidioso e dolciastro.

Ecco quanti pannolini sporchi aspettarti e quando, e che aspetto dovrebbero avere le feci del tuo bambino:

1° giorno

  • Quantità: uno o più
  • Colore: nero-tendente al verde
  • Consistenza: appiccicose e simili a catrame

2° giorno

  • Quantità: due o più
  • Colore: marrone scuro- tendente al verde
  • Consistenza: meno appiccicose

3° giorno

  • Quantità: due o più
  • Colore: da marrone-tendente al verde a marrone-tendente al giallo
  • Consistenza: non più appiccicose

4° giorno fino a un mese

  • Quantità: due o più
  • Colore: giallo (devono essere gialle almeno a partire dalla fine del quarto giorno)
  • Consistenza: granulosa (simile alla mostarda inglese o americana, con dei semini al loro interno). Liquide e acquose.

Per quanto riguarda la pipì del tuo bambino, dovrebbe avere un colore giallo pallido. I neonati, mediamente, fanno la pipì una volta al giorno fino al terzo giorno, quando iniziano a farla tre volte al giorno; dal quinto giorno, invece, fanno la pipì cinque o più volte al giorno. Dovresti anche notare un aumento di peso dei pannolini durante i primi giorni.11

Mio figlio assume una quantità sufficiente di latte materno?

Visto che, inizialmente, produci piccole quantità di latte, potresti temere che non sia sufficiente a soddisfare il tuo neonato. Tuttavia, se lo allatti ogni volta che te lo chiede, significa che stai producendo la quantità a lui necessaria. Se preferisci, puoi monitorare il numero di pannolini sporchi e bagnati che produce, come mostrato sopra. Se il suo ritmo è diverso da quello indicato, consulta il medico.

"Durante le prime tre o quattro settimane la maggior parte dei neonati non fa altro che mangiare e dormire. Se il tuo bambino non sembra essere a suo agio e vuole nutrirsi continuamente, prendi appuntamento con un professionista sanitario", consiglia Cathy.

Non allarmarti se il bambino ha un rigurgito del colore del latte dopo la poppata. Consulta, invece, un professionista sanitario se il vomito ha delle parti di colore arancione, rosso, verde, marrone o nero oppure se il vomito è copioso. Vale lo stesso nel caso in cui presenti febbre, sangue nelle feci, la fontanella infossata (la zona morbida sulla testa) o nel caso in cui non abbia recuperato il peso che aveva alla nascita entro la seconda settimana di vita.11

Se non mostra nessuno di questi segnali e se sta raggiungendo gli obiettivi di crescita significa che sta assumendo latte a sufficienza. Entrambi familiarizzerete presto con  all'allattamento al seno e adotterete un ritmo più regolare.

Scopri qual è la prossima fase del tuo percorso di allattamento al seno in Allattamento al seno durante il primo mese: cosa aspettarsi.

Bibliografia

1 Pang WW, Hartmann PE. Initiation of human lactation: secretory differentiation and secretory activation. J Mammary Gland Biol Neoplasia. 2007;12(4):211-221.

2 Shashi R et al. Postpartum psychiatric disorders: Early diagnosis and management. Indian J Psychiatry. 2015; 57(Suppl 2):S216–S221.

3 Moberg KU, Prime DK. Oxytocin effects in mothers and infants during breastfeeding. Infant. 2013;9(6):201-206.

4 Sobhy SI, Mohame NA. The effect of early initiation of breast feeding on the amount of vaginal blood loss during the fourth stage of labor. J Egypt Public Health Assoc. 2004;79(1-2):1-12.

5 Meier PP et al. Which breast pump for which mother: an evidence-based approach to individualizing breast pump technology. J Perinatol. 2016;36(7):493.

6 Cadwell K. Latching‐On and Suckling of the Healthy Term Neonate: Breastfeeding Assessment. J Midwifery & Women’s Health. 2007;52(6):638-642.

7 Kent JC et al. Principles for maintaining or increasing breast milk production. J Obstet, Gynecol, & Neonatal Nurs. 2012;41(1):114-121.

8 Australian Breastfeeding Association [Internet]. Feeding cues; 2017 Sep [cited 2018 Feb]. 

9 Jacobs A et al. S3-guidelines for the treatment of inflammatory breast disease during the lactation period. Geburtshilfe Frauenheilkd. 2013;73(12):1202-1208.

10 Lawrence RA, Lawrence RM. Breastfeeding: A guide for the medical profession. 7th ed. Maryland Heights MO, USA: Elsevier Mosby; 2010. 1128 p.