Svezzamento: quando e come smettere di allattare al seno

Quando è il momento giusto per smettere di allattare il tuo bambino e qual è il modo migliore per farlo? Continua a leggere per ottenere molti consigli pratici sullo svezzamento

Weaning - how and when to stop breastfeeding

Una volta avviato l'allattamento al seno per quanto tempo devi continuare ad allattare? Tre mesi? Sei mesi? Un anno? O più anni?

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e altri enti sanitari raccomandano alle madri di allattare esclusivamente al seno per i primi sei mesi di vita del bambino e di continuare a nutrirlo con il proprio latte, insieme ad altri alimenti (noti come alimenti complementari), fino ad almeno due anni di età.1

Questo perché il latte materno non è semplicemente un alimento, ma anche un "conforto naturale" se il tuo bambino è preoccupato o stanco; inoltre, contiene componenti immunitari che aumentano considerevolmente ogni volta che si ammala.2

Gli antropologi stimano che l'età naturale di svezzamento negli esseri umani sia addirittura superiore a due anni. Osservando vari fattori, quali lo sviluppo dentale, il peso corporeo, il confronto con altri primati e le testimonianze storiche, alcuni sostengono che potrebbe essere da due a quattro anni, mentre altri ritengono che i nostri antenati potrebbero essere stati allattati fino a sei o sette anni.3

Attualmente, più del 60% delle mamme nei paesi sviluppati alimenta il proprio bambino con latte in polvere o con alimenti complementari prima dei sei mesi, anche se le linee guida dell'OMS lo sconsigliano.4 

Quando è il momento giusto per iniziare a svezzare il mio bambino?

Lo svezzamento è un processo che consiste nello smettere di alimentare il tuo bambino con il latte materno. Idealmente, il primo passo verso lo svezzamento è l'introduzione di alimenti complementari, unitamente all'alimentazione con latte materno, intorno ai sei mesi. Il processo di svezzamento continua fino a quando il latte materno viene completamente sostituito da altri alimenti e bevande.

"Dopo sei mesi il tuo bambino inizia ad avere bisogno di livelli più elevati di alcune sostanze nutritive (come ferro, zinco, vitamine B e D) che non può ricevere dal latte materno o dalle proprie riserve", spiega Sarah Beeson, assistente sanitaria e infermiera dal Regno Unito.

"I cibi solidi all'inizio vanno solamente a integrare il latte assunto dal tuo bambino per poi sostituirlo gradualmente. Il latte materno rimane la sua fonte principale di sostanze nutritive per molti mesi a venire".

In genere, un bambino di sette mesi riceve ancora il 93% delle calorie dal latte. Anche tra gli 11 e i 16 mesi il latte può ancora fornire circa metà del suo apporto calorico giornaliero.5

"A volte le mamme pensano che il latte materno non sia importante una volta che il proprio bambino inizia ad alimentarsi con cibi solidi, ma in realtà non c'è latte migliore per lui a prescindere dall'età", afferma Sarah.

Infatti, l'intero processo di svezzamento può durare fino a quando la mamma e il bambino lo desiderano: "Quando smettere di allattare è una tua scelta", sostiene Sarah. "Non sentirti sotto pressione da ciò che fanno le amiche o da quello che dicono i tuoi familiari o persino degli sconosciuti, afferma. Tutto ciò che conta è quello che ritieni giusto per te e per il tuo bambino".

Come smette di allattare al seno

Quando decidi di iniziare a svezzare il tuo bambino è meglio farlo gradualmente. Interrompere improvvisamente l'allattamento potrebbe metterti a rischio di ingorgo mammario, di dotti bloccati o mastite, oltre a essere un cambiamento improvviso da affrontare per il sistema digestivo e immunitario del tuo bambino. Inoltre, potrebbe essere difficile per entrambi anche dal punto di vista emotivo.

Devo smettere di allattare?

A volte le mamme pensano di dover interrompere l'allattamento quando in realtà non è così. Se stai tornando al lavoro l'allattamento può essere un ottimo modo per mantenere un legame con il tuo bambino durante un cambiamento così importante per le vostre vite. Puoi estrarre il tuo latte al lavoro e mantenere le sessioni di allattamento come un momento speciale da trascorrere insieme all'inizio e alla fine della giornata. Altrimenti, se hai bisogno di fare un viaggio senza il tuo bambino, puoi estrarre il latte da portare o inviare a casa.

Quando ti ammali non sempre è necessario interrompere l'allattamento; leggi i nostri consigli sull'allattamento al seno se malati e consulta il tuo consulente sanitario.

Interrompere l'allattamento al seno prima di sei mesi

Se non riesci a continuare ad allattare il tuo bambino fino ai sei mesi e desideri provare lo svezzamento guidato dalla madre, inizia eliminando una poppata al giorno, sostituendola con una bottiglia di latte in polvere.

"L'ideale sarebbe iniziare con la poppata di metà giornata. I bambini sono straordinari: riescono a individuare l'odore del latte materno a poca distanza; pertanto, chiedi al tuo partner o a un parente di somministrare al tuo bambino la bottiglia mentre tu sei in un'altra stanza", dice Sarah.

"Presta attenzione a una buona igiene durante la preparazione del latte. Può accadere che il tuo bambino faccia meno poppate di latte materno estratto dalla bottiglia rispetto a quelle al seno per un periodo di 24 ore. Non costringerlo ad assumere più latte di quanto desideri".

Probabilmente sentirai il tuo seno diventare pieno e morbido, poiché il tuo corpo si adatta a produrre meno latte. Se ti senti a disagio, prova a estrarre un po' di latte, quanto basta per alleviare il fastidio senza stimolare il tuo corpo a produrne di più.

Una volta che il corpo si è abituato a questo nuovo volume (solitamente dopo pochi giorni) elimina ogni giorno un'altra poppata. Ripeti finché non allatti più e il tuo bambino è completamente svezzato.

"Dopo la nascita del mio primo figlio ho avuto delle complicazioni, così ho perso molto peso rapidamente e ho sofferto di mastite. La mia produzione era bassa e a tre mesi ho dovuto interrompere l'allattamento", racconta Jennifer, due figli, dal Regno Unito. "Ho sostituito una poppata alla volta, quindi non ho avuto eccessive difficoltà sotto il profilo fisico, ma è stato difficile sotto l'aspetto emotivo".

Se desideri mantenere l'intimità e i benefici per la salute dell'allattamento al seno ma hai bisogno di ridurre le poppate, prova lo svezzamento parziale, in cui è possibile sostituire con il latte in polvere soltanto alcune sedute.

Interrompere l'allattamento al seno dopo sei mesi

Quando il tuo bambino inizia ad alimentarsi con cibi solidi a circa sei mesi, scopri che nel corso del tempo il suo desiderio di alimentarsi al seno si manifesta naturalmente con minore frequenza. Entro un anno probabilmente arriverà a prendere un paio di poppate al giorno, integrate da pasti e spuntini sani.

Tuttavia, se intendi ridurre ulteriormente il numero di poppate, fallo gradualmente, eliminando una poppata alla volta e offrendo al tuo bambino il latte in polvere se ha meno di 12 mesi. Il latte vaccino non dovrebbe essere assunto dai bambini fino ad almeno un anno di età.

"Quando ho deciso di iniziare a svezzarlo, mio figlio era sceso a tre poppate al giorno e consumava tre pasti più alcuni spuntini. Ho sostituito gradualmente ogni poppata con una bottiglia di latte in polvere, lasciando quella notturna per ultima, a 11 mesi," racconta Ruth, un figlio, dal Regno Unito. "Diminuire gradualmente ha evitato che avessi problemi, soltanto un po' di pienezza per alcuni giorni".

Esistono vari modi per distrarre il tuo bambino dal cambiamento dei suoi modelli di alimentazione. Alcune mamme offrono al proprio bambino una bevanda e uno spuntino al posto della poppata, alimenti che potete condividere per un maggiore senso di vicinanza. Inoltre, potresti modificare la tua routine quotidiana, giocare al suo gioco preferito o sostituire un pasto con un po' di coccole da parte tua o del tuo partner.  Alcuni bambini impiegheranno più tempo di altri a sentirsi soddisfatti del cambiamento, ma le cose miglioreranno nel tempo. Se hai difficoltà nello svezzamento è sempre utile chiedere consiglio al tuo consulente sanitario.

Interrompere l'allattamento in modo naturale nel tempo

Se scegli di lasciare che sia il tuo bambino a decidere quando interrompere l'allattamento (noto come svezzamento guidato dal bambino o allattamento a termine), è probabile che il processo di svezzamento sia lento e graduale. Nel corso dei mesi le sue poppate diventeranno probabilmente più brevi e meno frequenti, mentre alcune mamme raccontano di un'improvvisa perdita di interesse nei confronti dell'allattamento.

"Mia figlia si è svezzata da sola a quattro anni", racconta Sarah, un figlio, dal Regno Unito. "Ha rallentato gradualmente fino a non prendere più poppate a tre anni e mezzo. Sembrava esserselo dimenticato quando eravamo in vacanza. Nonostante siano passati sei mesi qualche volta desidera riattaccarsi, ma sa che non c'è più latte".

Il tuo corpo dovrebbe avere tutto il tempo per adattarsi; quindi, difficilmente soffrirai di fastidiosi ingorghi mammari. Lo svezzamento, però, potrebbe essere difficile dal punto di vista emotivo; quindi, trova il tempo di coccolare il tuo bambino e di condividere dei momenti speciali insieme.

"Lo svezzamento guidato dal bambino è stata la soluzione giusta per me, perché mio figlio non aveva mai ricevuto latte in polvere né una bottiglia. Non volevo interrompere improvvisamente l'allattamento e negarglielo", racconta Kelly, un figlio, dal Regno Unito. "Ha perso interesse verso l'allattamento a due anni e mezzo. È stata la soluzione migliore per noi, anche se è stata dura emotivamente".

Cosa succede se devo smettere di allattare rapidamente?

Sebbene sia meglio non interrompere bruscamente l'allattamento, a volte è necessario per motivi di salute o perché tu e il tuo bambino non potete stare insieme.

Se il tuo bambino è stato allattato al seno fino a questo momento, dovrai quasi certamente estrarre il latte per evitare che si verifichi un fastidioso ingorgo mammario. Alcune donne trovano che un tiralatte sia d'aiuto per l'estrazione, mentre altre preferiscono estrarre manualmente. Anche in questo caso, estrai solamente il latte sufficiente per alleviare il disagio, dal momento che non intendi incoraggiare il tuo corpo a produrre più latte.

Anche se all'inizio il seno può essere gonfio e sensibile, si adatterà. Il latte materno contiene una sostanza chiamata inibitore retroattivo della lattazione (FIL, Feedback Inhibitor of Lactation). Quando il tuo bambino smette di alimentarsi al seno, il FIL comunica al tuo corpo di rallentare la produzione; tuttavia, potrebbero essere necessari alcuni giorni o addirittura settimane prima che il tuo seno si abitui.

L'assunzione di paracetamolo o ibuprofene può aiutare ad alleviare il dolore (anche se l'ibuprofene ha controindicazioni per chi soffre di asma). Segui sempre le istruzioni del produttore e del farmacista e consulta un professionista sanitario su eventuali farmaci da assumere.

"Sono stata costretta a rinunciare all'allattamento improvvisamente quando mia figlia aveva otto mesi, perché dovevo assumere antidolorifici forti", racconta Peggy, un figlio, dalla Svizzera. "È stato molto difficile: continuava a cercare il seno e a piangere. La tenevo stretta a me per rassicurarla mentre le somministravo la bottiglia. Dopo un mese, sembrava avere accettato la situazione".

Posso continuare ad allattare se desidero rimanere incinta di nuovo?

Sebbene l'allattamento al seno sia un contraccettivo naturale, non è infallibile. È improbabile che sia efficace dopo sei mesi o se non allatti esclusivamente al seno. Questo significa che potresti rimanere incinta mentre allatti ancora il tuo bambino.

Le mamme in gravidanza che allattano al seno a volte ricevono consigli contrastanti sull'opportunità di svezzare. È certamente possibile alimentare contemporaneamente due bambini di età diverse e quando ne arriverà un altro il tuo corpo produrrà latte adatto a ognuna delle loro esigenze.

Alcune mamme scoprono che il loro bambino più grande si svezza naturalmente durante la gravidanza o riduce alcune poppate. Ciò può essere dovuto a dei cambiamenti nella composizione del tuo latte durante la gravidanza, che fanno sì che abbia un sapore diverso e meno dolce.6 Se il tuo bambino ha meno di un anno quando inizia lo svezzamento controlla che continui a prendere peso.

Se desideri continuare ad allattare durante la gravidanza, pur se hai già avuto un parto prematuro, un aborto spontaneo o se soffri di emorragie, consulta il tuo consulente sanitario.

Se hai bisogno di assistenza medica per rimanere incinta, potresti scoprire che i medici non somministrano determinati farmaci o trattamenti per la fertilità durante l'allattamento. Discuti tutte le opzioni prima di prendere una decisione sullo svezzamento.

L'ultima parola sullo svezzamento

A prescindere da quando e come interrompi l'allattamento al seno, sii comprensiva con te stessa e con il tuo bambino. È per entrambi un grande cambiamento sotto il profilo fisico, ormonale ed emotivo: quindi, procedi con la massima attenzione e cura.

"Mentre il mio corpo reagiva bene allo svezzamento, la mia mente ne soffriva. Si trattava di un'esperienza che avevamo condiviso per così tanto tempo ma che era giunta al termine", racconta Jane, due figli, dagli USA. "Lavoravo molte ore, cinque giorni alla settimana, e l'allattamento al seno mi faceva sentire molto importante nella loro vita. Ma, quando ho smesso di allattarli, abbiamo trovato subito altri modi per mantenere il nostro legame".

Bibliografia

1 World Health Organisation. [Internet] Health Topics: Breastfeeding: 2018 [Accessed: 08.02.2018]. Available from: http://www.who.int/topics/breastfeeding/en

2 Hassiotou et al. Maternal and infant infections stimulate a rapid leukocyte response in breastmilk. Clin Transl Immunology. 2013;2(4):e3.

3 Dettwyler KA. When to wean: biological versus cultural perspectives. Clin Obstet Gynecol. 2004; 47(3)712-723.

4 Victora CG et al. Breastfeeding in the 21st century: epidemiology, mechanisms, and lifelong effect. Lancet. 2016;387(10017):475-490.

5 Dewey KG et al. Breast milk volume and composition during late lactation (7-20 months). J Pediatr Gastroenterol Nutr. 1984;3(5):713-720.

6 Prosser CG et al. Mammary gland function during gradual weaning and early gestation in women. Aust J Exp Biol Med Sci. 1984;62(Pt 2):215-228.